Sci alpinismo

Il coronavirus frena le gare SKIALP. Annullata anche la Pierra Menta

Sono bastate 24 ore a infrangere le speranze degli atleti del mondo SKIALP, pronti a scendere in pista per sfidarsi nelle tappe della seconda stagione della Grande Course 2019/2020. Tre gli appuntamenti previsti per il mese di marzo: 7 e 8 marzo con l’Altitoy Ternua; 11-14 marzo con la Pierra Menta; 26-29 marzo con il Millet Tour du Rutor Extrême.

Il timore di potenziali annullamenti a seguito dell’emergenza coronavirus aleggiava da giorni. Fino alla serata di mercoledì la situazione sembrava essere sotto controllo. “Per ora sembra tutto ok”, ci raccontava Michele Boscacci a poche ore dal primo triste annuncio: Altitoy ternua annullata causa maltempo. Una motivazione dunque non legata all’epidemia in corso, che ha consentito agli atleti di conservare ancora qualche speranza di poter andare avanti con le gare stagionali.

Ma nell’arco di sole 24 ore è arrivato l’annuncio dell’annullamento del Tour du Rutor. E poi la cancellazione anche della Pierra Menta. “Oggi è una brutta giornata per le notizie che dobbiamo darvi”, il malinconico commento di Matteo Eydallin pochi minuti dopo l’annucio sui social.

Due decisioni sofferte, stavolta non legate al meteo ma al coronavirus, per rispettare le raccomandazioni dell’OMS, recepite in questi giorni dai singoli Governi nazionali, di sospendere eventi sportivi che comportino assembramento di persone e dunque aumento del rischio di contagio.

Pierra Menta. Un annullamento sofferto e costoso

“Brutte notizie. La Pierra Menta 2020 è annullata – si legge nel comunicato inviato agli atleti dal comitato organizzatore della sfida francese, nella tarda serata di giovedì 5 marzo, e successivamente reso pubblico online -. Per 34 anni la Pierra Menta ad Arêches-Beaufort è sempre riuscita a organizzare una bella gara con percorsi che negli anni si sono saputi adattare alle condizioni climatiche e nivologiche. È sempre andata in scena su percorsi degni della fama che questa gara si è costruita. Ma oggi non siamo on grado di controllare il virus COVID-19. Motivo per cui abbiamo deciso, di comune accordo con il Comune di Beaufort, di cancellare la 35ª Pierra Menta. Non vogliamo mettere le persone a rischio di contrarre la malattia. Questa decisione è stata molto difficile da prendere, sono state necessarie diverse riunioni. E nonostante l’enorme deficit finanziario che questa decisione genererà, abbiamo deciso di ignorarlo. Rimborseremo tramite bonifico bancario gli atleti.

L’assicurazione dell’evento non copre le eventuali spese di cancellazione legate a una epidemia quale quella in corso. Ragione per cui gli organizzatori hanno richiesto agli atleti un aiuto. “Se desideri partecipare ai costi legati all’annullamento della gara, ti preghiamo di farcelo sapere. Non vediamo l’ora di vederti l’anno prossimo”.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close