Alpinismo

Steck incerto tra pilastro ovest e normale

immagine

KATHMANDU, Nepal – "Dopo molto pensare sono giunto alla conclusione che un tentativo di vetta lungo il pilastro ovest del Makalu è impossibile con queste condizioni. Al momento è un’illusione. Un sogno. Lungo la via normale invece forse è fattibile. Ora ho aperte tutte le possibilità". Sono incerti in questo momento i piani di Ueli Steck, che nei giorni scorsi ha provato un paio di volte a iniziare la salita al west pillar. La troppa neve però, l’ha costretto al dietrofront, e una volta al base lo svizzero ha iniziato a considerare l’idea di salire da un’altra strada.

Ha ancora a disposizione circa 3 settimane prima dell’arrivo dei jet stream e del conseguente rientro in Europa. Resta solo da capire come usare questo tempo, se continuare a tentare la salita alla vetta del Makalu lungo il pilastro ovest o se ripiegare sulla via normale.

Dopo due tentativi di salita, di cui uno arrivato fino a quota 7.200 metri, Ueli Steck ha infatti iniziato a considerare ipotesi alternative al suo progetto iniziale. Scalare in solitaria e in stile alpino il temibile west pillar potrebbe essere infatti, per quest’anno impossibile.

Intorno al 13 del mese aveva compiuto il primo tentativo. Dopo aver trascorso una notte al campo posto a 6.700 metri, aveva iniziato la salita ma la troppa neve aveva reso tutto molto difficile e faticoso.

"Già a 7.000 metri ero esausto – racconta infatti Steck sul suo sito -. Era come scalare la parete nord dell’Eiger in pessime condizioni. Ho pensato che se fossi stato lì, sarei immediatamente sceso e tornato a casa". Ciò nonostante l’alpinista ha proseguito per altri 200 metri. Poi ha valutato che gli ci sarebbero volute almeno 4 ore e mezza per salirne altri 500 e allora ha deciso di tornare indietro.

Rientrato al base ha iniziato a dubitare della fattibilità dell’impresa. Qualche giorno dopo con l’amico guida alpina Andy Waelchli, è tornato a quota 6.700 metri constatando che purtroppo le condizioni della montagna non erano migliorate. Ha comunque deciso di non portare via la tenda, cibo e scorte, così da lasciarsi aperta la possibilità di un nuovo tentativo lungo il pilastro ovest.

Ridisceso al campo base ha infine iniziato a prendere in considerazione la possibilità di salire in vetta dalla via normale. "Ora ho tutte le possibilità aperte – dice Steck -. Al momento il pilastro ovest è un’illusione. Un sogno. Sulla via normale invece, se siamo fortunati, abbiamo una possibilità. La cosa più importante è tornare a casa sani e salvi. E come sempre sentirsi arricchiti da una nuova esperienza. Per quel che mi riguarda ho toccato di certo i miei limiti lassù".

Lunedì scorso l’alpinista svizzero ha attaccato la via normale insieme al fotografo Robert Boesch e alla guida alpina Andy Waelchli, suoi compagni in questo viaggio al Makalu. I tre dovrebbero essere arrivati fino a campo 2, ma è possibile che abbiano anche continuato la salita. Si attendono aggiornamenti nelle prossime ore.

Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close