Alpinismo

Everest: i baschi sono già al campo base

immagine

LHASA, Tibet — Sono già arrivati al campo base i paladini baschi dello stile alpino: Alberto Iñurrategi, Juan Vallejo e Mikel Zabalza. Nei prossimi giorni, i tre daranno inizio all’acclimatamento necessario per compiere l’ardito tentativo di salita in stile alpinpoall’Everest lungo l’impressionante Hornbein Couloir, programmato per la fine del mese.

Partiti dalla Spagna la scorsa settimana, i tre hanno passato un paio di giorni a Kathmandu e poi si sono diretti verso il confine tibetano, che hanno passato il 2 settembre, insieme al loro responsabile della comunicazione Ramon Olasagasti. Nel giro di pochissimi giorni, hanno raggiunto il campo base della montagna, installato a 5.700 metri.

"Il training che abbiamo fatto a casa con la camera ipobarica sta funzionando – raccontano gli alpinisti -. L’acclimatamento è buono e ci ha permesso di saltare alcune tappe del trekking in villaggi come Nyalam e Tingri, che sembra una città fantasma, guadagnando tempo utile per la scalata". Il team ha percorso la maggior parte del viaggio sulla strada asfaltata costruita dai cinesi tra Zagmu e Lhasa, che loro hanno definito "un impressionante serpente d’asfalto che si snoda sull’altopiano". L’ultima tappa, verso il campo base, è stata affrontata con la carovana di yak che ha trasportato lassù i bidoni e i materiali per la salita e per il soggiorno al base.

Il programma di Inurrategi – fuoriclasse basco che a soli 33 anni aveva già salito senza ossigeno tutti i 14 ottomila – e dei suoi compagni è di tentare la cima a fine settembre. Vogliono salire lungo l’impressionante Hornbein Couloir, una via che nessuno è più riuscito a ripetere dal 1991 e che conta al momento, soltanto 7 ascensioni di successo. Di queste, soltanto una è stata compiuta in stile alpino e senza ossigeno: quella dei fuoriclasse svizzeri Erhard Loretan e Jean Troillet nel 1986.

I baschi vogliono fare la stessa cosa. Salire in stile alpino, senza corde fisse, senza ossigeno, senza portatori e senza montare i campi alti se non durante il tentativo di vetta. Per acclimatarsi, saliranno lungo la via normale della montagna fino ai 7000 metri di Colle Nord e forse si spingeranno qualche centinaio di metri più in alto per un ulteriore pernottamento in quota.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close