• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alta quota

K2 invernale, Denis Urubko e Don Bowie hanno deciso

Solo pochi giorni fa avevamo raccontato di cosa ci aspetterà durante la prossima stagione alpinistica invernale al K2.

Uno dei punti in sospeso più succosi era quello relativo a Denis Urubko, che aveva annunciato il suo impegno sul Broad Peak per realizzare la salita entro il 28 febbraio. Con lui l’alpinista canadese Don Bowie, con cui la scorsa estate ha diviso il campo base dei Gasherbrum, condividendo la salita al GII e qualche operazione di soccorso, tra cui quella a Francesco Cassardo.

Il K2 non era stato però ancora confermato, almeno fino a ieri, quando l’alpinista canadese ha annunciato sui suoi social la sua “partnership con Denis Urubko per la spedizione invernale di questo dicembre al Broad Peak e K2”. 

A questo punto, se Nirmal Purja e il team francese dovessero confermare, i pretendenti alla vetta – a cui si aggiunge la squadra di Migma G. Sherpa – quest’anno sarebbero addirittura quattro.

L’inverno sta arrivando e il vento freddo inizia a soffiare sul K2, ma l’atmosfera ai piedi dell’ultimo 8000 inviolato sembra essere sempre più calda.

Articolo precedenteArticolo successivo

7 Comments

    1. Forse l’Ultimo grande traguardo da infrangere dell’alpinismo. Sul K2. Bellissimo. Sarebbe interessante capire “come sta” il mostruoso seracco…speriamo con la grande valanga di qualche tempo fa si è alleggerito parecchio altrimenti sarà dura. Ma…Moro…non ci prova? Sarebbe il top.
      Comunque credo che sarà una gara personale sulla velocità più che un lavoro di team, ma vedremo.

      1. A mio avviso, l’ultimo traguardo in una disciplina non esiste, perché una volta raggiunto un obiettivo ce ne sarà sempre un altro più ambizioso

        Inoltre, dubito che Moro tenti il K2 in invernale, anche perché non l’ha mai scalato neppure in estate

  1. Moro ha scalato 3 delle 4 prime invernali senza mai averle scalate in estate.
    Il K2 è l’ultima montagna inviolata di inverno ed è l’ultimo tassello che manca in qualsiasi scheda che tratti di numeri dell’alpinismo (che comunque, caro marco, non è una disciplina per tua info).

    1. Ma scusate, ma Moro non aveva detto che non avrebbe mai scalato il K2 per una promessa alla moglie (che aveva sognato che Moro morisse su quella montagna)?

    2. Dissertare sul fatto che l’alpinismo sia o meno una “disciplina” significa vedere il dito e non la luna….

      Il concetto di “ultimo grande traguardo” nell’alpinismo è una contraddizione in termini; esempio: una volta saliti tutti i 14 ottomila in invernale, qualcuno si porrà l’obiettivo di scalarli nuovamente, sempre in invernale, da vie diverse e più difficili

      Quanto a Moro ognuno rimane della sua idea…Da quanto mi risulta ha più volte dichiarato che mai scalerà il K2 perché la moglie avrebbe avuto un sogno premonitore… a mio avviso, la realtà è che non se la sente e, a dirla tutta, fa bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.