Alpinismo

Shisha: domani il recupero di Piantoni

immagine

BERGAMO — "Roby tornerà a casa. Domani saliranno a prenderlo i nostri alpinisti insieme a Jean Troillet e alcuni membri della spedizione di Edurne Pasaban, che si sono resi disponibili ad aiutare nel recupero. Nei prossimi giorni verrà rimpatriato". E’ Simone Moro a dare la buona notizia sul rientro in patria di Roby Piantoni, alpinista bergamasco scomparso ieri mattina sulla parete sud dello Shisha Pangma.

"Oggi ho parlato diverse volte con il campo base – racconta Moro -. La decisione ormai è definitiva. Domani la squadra di recupero salirà fino al punto in cui si trova il corpo di Roby e lo calerà, trasportandolo a spalle fino al campo base avanzato. Da lì proseguiranno a dorso di yak fino al campo base. Domenica, dovrebbero scendere fino a Nyalam e nei giorni successivi, con la jeep, passare la frontiera e raggiungere Kathmandu, da dove partirà l’aereo per l’Italia".

Tutti gli alpinisti presenti al campo base hanno unito le forze per soddisfare il desiderio della famiglia Piantoni, soprattutto della madre, che aveva subito chiesto di rimpatriare il figlio. E dall’Italia, in molti si sono prodigati per risolvere le dovute questioni burocratiche e organizzative.

"In un caso del genere ci sono ovviamente delle complicazioni burocratiche – spiega Moro – che però sembra si riescano a risolvere. Si sta cercando la maniera più efficace e veloce per risolvere la questione senza impantanarci troppo nella burocrazia cinese e soprattutto senza far troppo clamore. Il rischio che facciano arrestare tutto all’improvviso esiste, ma siamo ottimisti".

A recuperare Piantoni ci saranno i due amici bergamaschi Marco Astori e Yuri Parimbelli, che ieri mattina erano con lui al momento del tragico incidente, accaduto in parete a circa 6.700 metri di quota. Ci sarà Adriano Greco, che fa parte della spedizione italiana ma che ieri era rimasto al campo base. Ci sarà lo svizzero Troillet, che ieri si trovava sulla via Scott e, dopo aver assistito all’incidente, si è prodigato nel recupero insieme ai due compagni di Piantoni. E ci saranno gli spagnoli di Al filo de lo imposible.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close