Alpinismo

Skialp sull'Ice Tooth per Greco e Latorre

immagine

LHASA, Tibet — L’Ice Tooth, dente di ghiaccio, splendido picco di 6.240 metri vicino alla parete Sud dello Shisha Pangma. Questa la meta della scialpinistica italo-spagnola improvvisata da Adriano Greco e Ferran Latorre, nell’unica mezza giornata di bel tempo di una settimana  instabile e nevosa che sta costringendo le due spedizioni a una lunga attesa al campo base. Con loro Edurne Pasaban e altri membri delle spedizioni che invece sono saliti a piedi.

La "gita di acclimatamento" è stata improvvisata la scorsa settimana. Sugli sci, oltre a Greco e Latorre, anche Veronique Lathuraz. "Una bella scialpinistica – ha commentato Greco – con un tratto finale di circa 300 metri di dislivello molto ripido salito con i ramponi. La neve non del tutto trasformata, un po’ crostosa e un po’ ghiacciata ha complicato la salita".

"Per noi baschi questa bella cima è legata a un brutto ricordo – ha detto Latorre -. Anni fa una valanga coinvolse Juanito Oiarzabal, Juan Vallejo, Alberto e Felix Iñurrategi e Jl Zuloaga, che morì nell’incidente. Per questo nel 2005, quando ero qui con Juan Vallejo e Jc Tamayo, non volli risalirvi. Ma ieri, con il simpaticissimo Adriano Greco, grande scialpinista e parte di un gruppo di forti italiani arrivati qui qualche giorno fa, e grazie a Roby Piantoni che mi ha prestato l’attrezzatura, ho rimesso piede sulla vetta di questa imponente montagna. Purtroppo sulla cima è scesa la nebbia, ma la discesa con gli sci è stata fantastica, così come la salita attraverso i ghiacciai".

Greco e la Lathuraz non hanno ancora "messo sci" sulla parete dello Shisha. I loro compagni di spedizione Roby Piantoni, Yuri Parimbelli e Marco Astori, invece, sono saliti lungo la via degli inglesi fino a 6.600 metri di quota, montando un campo base avanzato a 5.900 metri.

"La via dei britannici inizia con un canale lungo e a tratti ripido tra i 40 e i 55 gradi – scrive Astori sul blog della spedizione -. Una salita davvero bella, ramponi e picche perché a tratti la neve lasciava il posto al ghiaccio. Siamo saliti fino a 6600 metri poi la neve è iniziata a scendere e siamo ridiscesi fino al Campo Scott, una piccolissima cengia di roccia dove sono stipate 3 piccole tende della spedizione spagnola di Edurne Pasaban. D’accordo con gli spagnoli abbiamo dormito lì, vista l’impossibilità di piantare altre tende".

L’unico inconveniente di questo acclimatamento sono stati i corvi, che hanno fatto festa al cibo che i tre alpinisti avevano lasciato al campo deposito prima e negli zaini durante la salita poi.

"Questi grossi uccelli che volano fino a quote davvero incredibili – scrive Astori -, non solo sono affamati, ma sono anche molto furbi. Abbiamo trovato parte de cibo completamente sparita, persino i tubetti del latte condensato erano stati bucati e svuotati. Fortunatamente una parte del cibo era sul fondo del deposito sotto tende e varie attrezzature e si era salvato… per ora!".
 

Sara Sottocornola


Foto courtesy Rtve Al Filo de lo Imposible, info Shisha Pangma Autunno 2009

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close