Alpinismo

K2, Gerlinde a campo 4: pronti alla cima

immagine

ISLAMABAD, Pakistan — "Gerlinde ha raggiunto la Spalla. E’ con i kazaki. E’ stata dura salire, ma era entusiasta: tempo splendido e panorama mozzafiato". E’ un emozionato Ralf Dujmovits a dare notizie della moglie Gerlinde Kaltenbrunner, che sul K2 cerca il suo 13esimo ottomila senza ossigeno. L’alpinista austriaca è al secondo tentativo di vetta nel giro di una settimana, ma sembra essere più in forma che mai.

Dujmovits, che qualche giorno fa ha dovuto lasciare il campo base ma si trova ancora in Karakorum come guida ad una delle spedizioni dell’Amical Alpin, sta seguendo ora per ora i movimenti della moglie sul K2. I suoi report, di solito radi e molto stringati, arrivano in queste ore a poche ore di distanza l’uno dall’altro e tradiscono un’evidente emozione.

"Dopo una lunga e trepidante attesa sono riuscito a risentire Gerlinde – scrive Dujmovits -. Nelle ultime ore l’avanzata è stata lenta, nella neve profonda, a tratti intralciata da un po’ di foschia. Ma ora ha raggiunto il luogo del bivacco. Lei è con i kazaki, Maxut Zhumayev e Vassily Pivtsov, e con il russo Serguey Bogolomov".

In questo momento, gli alpinisti stanno sciogliendo neve, mangiando e bevendo. La Kaltenbrunner è salita dalla via Cesen, seguita a distanza di oltre un’ora dall’americano Fabrizio Zangrilli. I kazaki, invece, sono saliti dallo sperone Abruzzi dove si stanno muovendo tutti gli altri alpinisti diretti sulla cima.
 
"Stanotte a mezzanotte partiranno per la vetta – scrive poi Dujmovits -. Gerlinde sta davvero bene e ha un’ottimo spirito per domani, nonostante gli sforzi fatti nell’ultima settimana. Non ci resta che tenere tutti le dita incrociate in quella che sarà un’emozionante notte insonne. Speriamo nella cima ma soprattutto nel rientro di tutti sani e salvi".
 

Sara Sottocornola

Foto D. Goettler, courtesy of www.gerlinde-kaltenbrunner.at

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close