AlpinismoAlta quota

Nepal: Rosati, Corona e Cazzanelli recuperano i corpi di Oskar Piazza e Gigliola Mancinelli

[:it]KATHMANDU, Nepal — “Abbiamo recuperato i corpi di Gigliola e Oskar”. Il messaggio ci arriva direttamente da Piergiorgio Rosati dal Nepal: insieme a Giampaolo Corona e François Cazzanelli ha effettuato oggi il recupero di Oskar Piazza e Gigliola Mancinelli morti nel villaggio di Langtang il 25 aprile, a causa del terribile terremoto in cui hanno perso la vita oltre 6500 persone.

Rosati, Corona e Cazzanelli sono volati a Langtang in missione per il recupero dei trentini. Quattro italiani si trovavano nel villaggio al momento del terremoto: oltre alle due vittime i loro due compagni di spedizione, gli speleologi Giuseppe ‘Pino’ Antonini e Giovanni ‘Nanni’ Pizzorni, che invece sono salvi.

“Pino ci ha descritto dove cercare i corpi – spiega Rosati -. Dopo un po’ di tentativi tra le salme li abbiamo trovati. Ora sono con me a Kathmandu. Poi andranno al teaching hospital (l’unico posto dove hanno le camere frigo) e poi voleranno in Italia”.

“La missione in Langtang era dedicata ai 4 trentini – continua Rosati – . In più abbiamo trasportato un paio di nepalesi. ho perso il numero dei recuperi degli abitanti locali che abbiamo fatto in questi giorni…ne abbiamo fatti davvero moltissimi”.

Rosati, Corona e Cazzanelli (PHoto P. Rosati Facebook)
Rosati, Corona e Cazzanelli (PHoto P. Rosati Facebook)

Il pilota italiano sta volando a bordo del suo elicottero della compagnia Manang Air in tutto il Nepal, dove si fermerà fino al 24 maggio, continuando anche nei prossimi giorni a effettuare soccorsi. “Oggi ho volato a Chautara e Langtang, ieri nel Khumbu, domani vado all’Annapurna, al campo base nord”.

Tornanano invece in Italia domani Corona e Cazzanelli. Le due Guide alpine e tecnici del soccorso alpino, che in Nepal questa stagione volevano tentare la salita di un 6000 inviolato, il Kimshung, situato a un giorno di cammino proprio dal villaggio di Langtang, hanno aiutato in questi giorni Rosati nelle operazioni di soccorso.[:]

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close