• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpi e pareti, Primo Piano

Alpi: nuove vie di Giovanni Ongaro nel Masino e sul Corno Stella

Giovanni Ongaro (Photo courtesy ragnilecco.com)
Giovanni Ongaro (Photo courtesy ragnilecco.com)

SONDRIO — “Easy Rider”, nel Gruppo del Masino sul Pizzo Vicima. E “Quasi Trad”, sulla Punta Innominata, nel Gruppo del Corno Stella, nelle Alpi Marittime. Ecco le due vie nuove aperte nei mesi scorsi da Giovanni Ongaro, guida alpina e Ragno di Lecco, insieme a Stéphanie Frigière.

Ongaro è Ragno di Lecco dal 2003 ed ha all’attivo un ricco curriculum alpinistico che va dalle Alpi dove è autore di moltissimi itinerari di elevata difficoltà, alle spedizioni extraeuropee – ricordiamo soprattutto la Patagonia, la prima salita alla Nordovest del Cerro Piergiorgio con Hervè Barmasse e Christian Brenna, l’apertura di “Nunca mas marisco” in Cile e diverse vie in Mali – .

Per quanto riguarda i due tracciati aperti di recente, “Easy Rider” si trova nel Gruppo del Masino, sul Pizzo Vicima, riprende un tentativo del 2003 di Pavan e Bernasconi e percorre un sistema di placche per uno sviluppo di circa 250 metri ed arrampicata molto tecnica su bella roccia granitica con protezione a spit da integrare in diversi tratti.

“Quasi Trad” si trova invece sulla Punta Innominata, nel Gruppo del Corno Stella, nelle Alpi Marittime, e dal nome si intuisce che per affrontare questa salita è necessaria una certa dimestichezza con il posizionamento delle protezioni veloci tant’è che sono presenti, soste comprese, soli 9 spit ed un chiodo su tutta la sua lunghezza.

Secondo quanto riferito dall’ufficio stampa dei Ragni di Lecco, che ha fornito le notizie di queste due nuove vie,  “Quasi trad” è una “via fisica e tecnica allo stesso tempo svolgendosi in particolar modo su fessure da proteggere ed ha richiesto a Giovanni e Stéphanie due giorni per essere salita”.

Sul sito dei Ragni è possibile scaricare le relazioni dei due itinerari.

 

Links: http://www.ragnilecco.com

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.