Sci alpinismo

Mondiali di Claut: l'Italia chiude con un oro nella staffetta

Mondiali di Claut, podio staffetta (Photo courtesy Areaphoto)
Mondiali di Claut, podio staffetta (Photo courtesy Areaphoto)

CLAUT, Pordenone — Vola finalmente “sul tetto del mondo” l’Italia dello scialpinismo. Venerdì, a Piancavallo, gli azzurri Matteo Eydallin, Robert Antonioli, Manfred Reichegger e Dennis Trento hanno vinto la medaglia d’oro nella staffetta. La Svizzera è stata oro nella gara al femminile con Nathalie Etzensperger, Gabrielle Magnenat e Mireille Richard. Gli elvetici hanno vinto l’oro anche con i giovani.

Nella giornata di chiusura dei Campionati del Mondo di Claut, l’Italia guadagna uno splendido oro nella staffetta. La gara al maschile è stata incerta sino alla fine, con Svizzera, Italia e Francia che battagliavano per l’oro. All’inizio la Svizzera è partita subito in testa, ma Yannick Buffet è il primo a entrare in zona cambio. Nella seconda frazione Robert Antonioli riesce a colmare il gap che c’è con il battistrada, e cambia in seconda posizione. Al successivo cambio è sempre la Svizzera in testa, Manfred Reicchegger se la gioca con Martin Anthamatten che sembra avere un’altra marcia. Nell’ultima frazione che c’è il capolavoro di Denis Trento, che porta all’Italia la sua decima medaglia d’oro.
Nella gara al femminile la Svizzera conduce frazione dopo frazione, davanti a Francia e Spagna. Le italiane, Corinne Clos, Silvia Piccagnoni e Martina Valmassoi sono quinte.
Per quanto riguarda i giovani in casa Italia arriva un’altra medaglia argento con Alessandra Cazzanelli, Luca Faifer e Nadir Maguet. Maguet, al suo primo anno d’agonismo, arriva all’ultimo cambio pelli con circa quindici secondi di vantaggio. L’azzurro pasticcia con le pelli di foca e perde in un soffio tutto il vantaggio. Lo svizzero Alan Tissieres taglia il traguardo abbracciando Jennifer Fiechter e Thomas Corthay. Si aggiudicano la terza posizione, i francesci Axelle Mollaret, Emilio Corbex e Idris Hirsch.
Nel medagliere di questi Mondiali l’Italia è terza con ventisette medaglie, oltre agli ori ci sono dodici medaglie d’argento e cinque di bronzo. Ma porta a casa anche l’enorme successo del Piancavallo, che si è rivelato una location ideale per le spettacolari competizioni scilpinistiche d’alto livello.

CLAUT, Pordenone — Vola finalmente “sul tetto del mondo” l’Italia dello scialpinismo. Venerdì, a Piancavallo, gli azzurri Matteo Eydallin, Robert Antonioli, Manfred Reichegger e Dennis Trento hanno vinto la medaglia d’oro nella staffetta. La Svizzera è stata oro nella gara al femminile con Nathalie Etzensperger, Gabrielle Magnenat e Mireille Richard. Gli elvetici hanno vinto l’oro anche con i giovani.
Nella giornata di chiusura dei Campionati del Mondo di Claut, l’Italia guadagna uno splendido oro nella staffetta. La gara al maschile è stata incerta sino alla fine, con Svizzera, Italia e Francia che battagliavano per l’oro. All’inizio la Svizzera è partita subito in testa, ma Yannick Buffet è il primo a entrare in zona cambio. Nella seconda frazione Robert Antonioli riesce a colmare il gap che c’è con il battistrada, e cambia in seconda posizione. Al successivo cambio è sempre la Svizzera in testa, Manfred Reicchegger se la gioca con Martin Anthamatten che sembra avere un’altra marcia. Nell’ultima frazione che c’è il capolavoro di Denis Trento, che porta all’Italia la sua decima medaglia d’oro. Nella gara al femminile la Svizzera conduce frazione dopo frazione, davanti a Francia e Spagna. Le italiane, Corinne Clos, Silvia Piccagnoni e Martina Valmassoi sono quinte.
Per quanto riguarda i giovani in casa Italia arriva un’altra medaglia argento con Alessandra Cazzanelli, Luca Faifer e Nadir Maguet. Maguet, al suo primo anno d’agonismo, arriva all’ultimo cambio pelli con circa quindici secondi di vantaggio. L’azzurro pasticcia con le pelli di foca e perde in un soffio tutto il vantaggio. Lo svizzero Alan Tissieres taglia il traguardo abbracciando Jennifer Fiechter e Thomas Corthay. Si aggiudicano la terza posizione, i francesci Axelle Mollaret, Emilio Corbex e Idris Hirsch.
Nel medagliere di questi Mondiali l’Italia è terza con ventisette medaglie, oltre agli ori ci sono dodici medaglie d’argento e cinque di bronzo. Ma porta a casa anche l’enorme successo del Piancavallo, che si è rivelato una location ideale per le spettacolari competizioni scilpinistiche d’alto livello.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Piancavalo è sicuramente un’ ottima stazione sciistica invernale, e sicuramente è un’ ottima location per tutto ciò che riguarda lo sci alpino, ovvero lo sci da discesa, comunemente detto, ha ospitato competizioni di ottimo livello. Ma dire che è un’ ottimo luogo dove organizzare competizioni di scialpinismo mi sembra davvero fuori luogo, la location di questi mondiali e non solo per lo scialpinismo, è sicuramente Claut.
    Nicos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close