• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Itinerari

Dolomiti, in moto sui 5 Passi

immagine generica

Un giro in moto attraverso i "Cinque Passi" dolomitici più belli dell’Alto Adige. Partendo da Bolzano si passa per l’altopiano dello Sciliar per toccare Passo Costalunga, Passo di Sella, Pordoi, Campolongo e Gardena. Duecento chilometri di curve, discese e salite emozionanti e divertenti, attraverso paesaggi mozzafiato. 

Le Dolomitii sono tra le mete più ambìte dal turismo invernale. Ma non solo. Tantissimi motociclisti italiani e stranieri, amano percorrere queste le strade di montagna che portano ai cinque passi. Merito delle curve, certo. Ma anche e soprattutto degli incantevoli paesaggi che le strade offrono ai viaggiatori.

Le meraviglie cominciano già a pochi chilometri dalla partenza. Da Bolzano si prende la statale 12 verso Bressanone e si viaggia verso la Val d’Ega: per attraversarla si passa in mezzo alla suggestiva gola, uno dei canaloni più romantici dell’Alto Adige. 

Si va avanti in direzione Ponte Nova, fino a Nova Levante, dove si trova il Lago di Carezza, uno tra i più belli delle Dolomiti, in cui si specchiano il Latemar e il Catinaccio.

Si segue poi per il primo dei cinque passi, il Passo Costalunga. Ma verso il Passo Nigra, poco prima di arrivare in cima, svoltate a sinistra e non perdetevi la vista dell’imponente massiccio del Catinaccio, dal paese di Tires. 

Superato il paese si segue per l’altopiano dello Sciliar: un paesaggio da brividi vi accompagnerà per tutto il tratto che attraversa le famose località turistiche di Fiè dello Sciliar e Alpe di Siusi.

Da qui si va in direzione Ortisei: 27 chilometri di salite molto impegnative, passando per Castelrotto, paese di lingua ladina e di antiche tradizioni.

Superato Ortisei si raggiunge Selva di Val Gardena e poi Plan de Gralba, dove il percorso riprende quota, salendo a 1780 metri d’altezza. Su questo tratto di 12 chilometri si sale al Passo Sella, tra tornanti e curve sempre più difficili quanto divertenti, per la gioia dei motociclisti esperti.

Da qui si segue poi per Arabba. Per raggiungerla le alternative sono due: o si attraversa il bellissimo Passo Pordoi o si segue per quello di Fedaia, a 2057 metri di altezza. Entrambe le soluzioni vi permetteranno di perdervi in paesaggi incantevoli, ma sulla seconda strada sarete sorpresi anche dalla Marmolada.

Da Arabba si prosegue per il Passo di Campolongo, e con un tratto di vera e propria arrampicata si giunge a Corvara, gioiello dell’Alta Badia, famoso per gli sport invernali.

Da qui si viaggia in direzione dell’ultimo passo del tour, quello di Gardena. Ultime curve e ultimi tornanti per fermarsi poi, soddisfatti, ad ammirare la spettacolare vista sul gruppo Sella.

Di ritorno si viaggia in direzione Ortisei, e da qui di nuovo Bolzano. Buona gita…

 

Valentina d’Angella

documentprint mail-to
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.