• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Itinerari

Incontrare i rapaci tra le montagne liguri

immagine

Aquile, falchi, bianconi. Il Parco del Beigua, sulle Alpi Liguri tra Genova e Savona, è il principale sito italiano per la migrazione dei rapaci. Un vero paradiso per escursionisti e birdwatcher.

 

Comuni: Arenzano, Sassello.

 
Nel 2005 all’interno del Parco del Beigua, in località Vaccà, è stato inaugurato un Centro ornitologico e di educazione ambientale del Parco: un punto di osservazione privilegiato per osservare e studiare il passaggio e la presenza dei rapaci e di altre specie ornitologiche.
 
La struttura si trova nel Comune di Arenzano, all’interno della foresta regionale del “Lerone” e nella zona di protezione speciale “Beigua – Turchino” Un’escursione passando per il sentiero ornitologico, una sorta di percorso didattico ad anello (alla portata di tutti) appositamente creato per il Centro, è quasi d’obbligo per gli amanti della natura.
 
A metà percorso si trova la torre di osservazione. Qui, in periodo idoneo, è possibile avvistare il passaggio di numerose specie di rapaci, fra i quali quali il biancone o le aquile minori.
 
Considerata “la porta d’Europa” per la migrazione dei rapaci, la zona del Beigua ha riscontrato nel 2005 il passaggio di oltre 1700 rapaci contro i 700 del 2004, tanto che la Comunità Europea l’ha riconosciuta Zona di protezione speciale (Zps).
 
Non ci sono però soltanto loro: durante la stagione riproduttiva è possibile osservare numerosissime altre specie. Come riconoscerle se non si è esperti?
 
Lungo il percorso sono stati apposti pannelli illustrativi per spiegare i diversi ambienti in cui nidificano, o vivono, le varie specie. Chi vuole approfondire la conoscenza potrà usufruire del Centro ornitologico: una struttura d’avanguardia, dotata di modernissime attrezzature e programmi multimediali, materiale didattico e documentari filmati per scoprire il mondo dell’avifauna in ogni suo aspetto.
 
Ma c’è di più: il Centro rappresenta un vero e proprio rifugio per gli appassionati di birdwatching. Che qui possono pernottare e organizzare al meglio gli avvistamenti. Anche il Centro è aperto a tutti: agli studiosi, alle scuole, a escursionisti appassionati di avifauna.
Il progetto che è sfociato nella realizzazione del Centro era legato alla Federazione Italiana Parchi e riserve naturali. Un fatto che sottolinea l’importanza non solo del centro in sé, ma anche della realtà ornitologica del Parco del Beigua, unico in Liguria a essere esteso a due province (Savona e Genova).
 
Per informazioni, rivolgersi all’Ente Parco del Beigua (tel. 019-84187300, info @parcobeigua.it)
 
Come arrivare
Prendere l’uscita al casello di Arenzano dell’autostrada A10 Genova-Ventimiglia, quindi si procede verso l’interno, in direzione del Centro ornitologico e di educazione ambientale, in località Vaccà.
 
 
A cura dell’ Agenzia regionale per la promozione turistica "in Liguria"
 
www.turismoinliguria.it
Puoi scaricare la guida completa degli itinerari liguri (in formato pdf) cliccando qui
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.