AlpinismoAlta quota

Andrzej Bargiel al campo base dell’Everest. La folla è però al Manaslu

Andrzej Bargiel è già arrivato al campo base dell’Everest, dove questo autunno tenterà di salire il Tetto del Mondo e realizzare la prima discesa integrale con gli sci senza ossigeno supplementare.

Arrivato con la sua squadra gli ultimi giorni di settembre a Kathmandu, ha raggiunto prima Lukla in aereo per poi incominciare il trekking di avvicinamento, che ha completato agilmente. Senza perdere tempo il team sherpa che lo accompagna si è subito dedicato ad attrezzare la via attraverso la Khumbu Icefall, un lavoro di cui in primavera si occupano gli Icefall Doctors del Sagarmatha Pollution Control Committee ma che in autunno gli alpinisti devono svolgere “da soli”. Le condizioni della montagna, dalle prime immagini e informazioni, sono ancora monsoniche, ma del resto proprio l’abbondanza di neve ha fatto propendere Bargiel per la scelta di ottobre per il suo tentativo di discesa con gli sci. Al momento la squadra di supporto nepalese ha allestito campo 1 e provato a salire fino a campo 2 ma senza successo a causa di una nevicata.

Tutti al Manaslu

Quello di Bargiel è l’unico, per il momento, team con il permesso di scalata per l’Everest questo autunno. Decisamente più affollato sarà invece il Manaslu. Come era già successo l’anno scorso, le agenzie commerciali sono convertite tutte sull’ottava montagna della Terra. Secondo gli ultimi dati trasmessi dal Ministero del Turismo nepalese sono 21 le spedizioni per un totale di 174 alpinisti (a cui aggiungere personale di terra e guide sherpa). Interessante quest’anno sarà capire se tutte le squadre punteranno a salire la vera vetta del Manaslu, ossia il punto più alto, oppure ci sarà qualcuno che reclamerà la cima fermandosi all’inizio della cresta finale come consuetudine degli ultimi decenni. Dopo la scorsa stagione, in cui Mingma G. Sherpa aveva portato i clienti sulla “vera vetta” trovando un passaggio alternativo, l‘Himalayan database aveva dichiarato che non avrebbe più convalidato le scalate di chi si fermava più sotto. Staremo a vedere cosa accadrà.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close