Foto

Snow Moon. La spettacolare luna piena di febbraio

Le notti di venerdì 26 e sabato 27 febbraio sono state illuminate a giorno da una magnifica luna piena. L’intensità luminosa massima si è raggiunta alle ore 21:19 (ora italiana) di sabato. Uno spettacolo, quello della cosiddetta Snow Moon o Luna della Neve, che ogni anno finisce per lasciarci a bocca aperta, con il naso all’insù. Si tratta infatti di un evento ciclico, ben noto fin dall’antichità, che si ripete ogni febbraio (tranne qualche eccezione, come scopriremo a breve).

La Snow Moon dei nativi americani

Il termine Snow Moon, con cui viene definita la luna piena di febbraio, risale all’epoca dei nativi americani. Per scandire il tempo dell’anno, il susseguirsi delle stagioni, le tribù degli indiani d’America utilizzavano infatti il calendario lunare e ogni luna piena aveva un proprio nome tradizionalmente associato. Ad esempio Wolf Moon a gennaio, Worm Moon a marzo, Flower Moon a maggio.

Perché quella di febbraio era stata ribattezzata proprio Snow Moon? In quanto il secondo mese dell’anno era considerato estremamente rigido e ricco di nevicate.

Accanto a Snow Moon, alcune tribù utilizzavano per la luna piena di febbraio altre denominazioni, quali Hunger Moon (la luna della fame), Storm Moon (la luna della tempesta), Little Famine Moon (luna della piccola carestia) e Bony Moon (luna delle ossa). Termini sempre descrittivi del tormentato mese di febbraio, caratterizzato da difficoltà di approvvigionamento a causa del persistere dell’inverno.

Ogni 19 anni…la Luna Nera!

Interessante è sapere che la Snow Moon non si verifichi in realtà proprio ogni febbraio. Una volta ogni 19 anni, il secondo mese dell’anno manca di regalare il tanto atteso spettacolo notturno. In tal caso, come accaduto nel 2018, si parla di Black Moon o Luna Nera. Il termine non è legato stavolta all’antichità, piuttosto è divenuto comune per effetto dei media. Gli esperti parlano piuttosto di “mesi senza luna piena”.

Il ciclo lunare o sinodico è infatti pari a 29,5 giorni, superiore alla durata di febbraio secondo il calendario solare (che sia esso di 28 o 29 giorni). Ogni circa 19 anni il mese resta così senza luna piena. Quando ciò accade, gennaio e marzo mostrano due lune piene, la seconda delle quali è detta “luna blu”.

Il verificarsi di una luna nera in un anno bisestile è ad ogni modo un evento estremamente raro. Come spiegato in un articolo scientifico a firma dello scienziato Peter MacDonald, apparso nel 1998 sulla rivista Journal of the British Astronomical Association, tale “coincidenza” si è verificata nel 1608 e non si verificherà prima del 2572.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close