Film

Gran finale per la rassegna cinematografica CAI “La montagna a casa”

Dopo averci tenuto compagnia nei lunghi mesi di lockdown, la rassegna cinematografica “La montagna a casa”, promossa dal Club alpino italiano in collaborazione con Sondrio Festival, Museo Nazionale della Montagna e Parco Nazionale dello Stelvio, giunge al termine. Un gran finale quello che ci attende nelle prossime settimane, con un ricco calendario di proiezioni uniche da oggi a martedì 30 giugno.

“Se ve li siete persi”

Iniziata il 3 aprile, la rassegna ha accompagnato per due mesi gli appassionati tra viaggi e storie delle terre alte. 68 i titoli messi gratuitamente a disposizione sul canale Youtube del Club Alpino Italiano. 195mila le visualizzazioni.

Un successo di pubblico significativo che ha portato il CAI a decidere di riproporre nelle prossime settimane (dal mercoledì al venerdì) una sorta di “the best of”, dal titolo “Se ve li siete persi”. Una selezione di titoli tra i più interessanti ed evocativi. Accanto al “the best of”, ogni giovedì alle 21.00 e 21.30 sono previsti i videoitinerari inediti del Parco Nazionale dello Stelvio. In replica il giorno dopo alle 17.30 e 18.00.

Tutti i titoli in programma saranno disponibili sul canale Youtube del CAI in prima visione, a partire dalle ore 21.00 del giorno indicato e fino a trenta minuti dopo la fine del film. E il giorno successivo in replica a partire dalle ore 17:30, fino a trenta minuti dopo la conclusione.

Programmazione 10 – 12 giugno 2020

Andiamo a questo punto a scoprire insieme i titoli da non perdere questa settimana.

  • “Sutt’u picu ru suli” (Italia, 2018, 40′). Unica proiezione mercoledì 10 giugno ore 21. Regia: Fabrizio Antonioli. Il film racconta la storia dell’alpinismo siciliano dagli anni ’30 ad oggi. I primi itinerari alpinistici di cui si hanno notizie certe sono stati aperti da Fosco Maraini e Gino Soldà. Tra interviste (con testimonianze dello stesso Maraini, Alessandro Gogna, Iacopo Merizzi, Maurizio Oviglia e molti alpinisti siciliani attivi dagli anni ‘60), riprese con drone e fiction (4 alpinisti sul monte Cofano, in provincia di Trapani), un viaggio che ci porta tra tutti i principali gruppi montuosi della Sicilia, compresi i crateri dell’Etna.
  • “Gita in Val di Rezzalo” (Italia, 2017, 23′). Prima visione giovedì 11 giugno ore 21. Replica venerdì 12 giugno ore 17.30. Regia: Alessandro Rigamonti e Donato Moretti. Posta sulla sinistra orografica del fiume Adda, la Valle di Rezzalo si sviluppa, seguendo un’antica strada militare, per circa 13 chilometri partendo dall’abitato di Fumero (1465 m) e seguendo il percorso del torrente Rezzalasco fino al Passo dell’Alpe. La valle è nota, oltre che per il suo interesse naturalistico, per i numerosi insediamenti rurali, costituiti da nuclei di baite, ancora oggi utilizzati durante la stagione estiva.
  • “Gita alla scoperta della Val Viola” (Italia, 2017, 28′). Prima visione giovedì 11 giugno ore 21.30. Replica venerdì 12 giugno ore 18.00. Regia: Alessandro Rigamonti e Donato Moretti. Un classico giro ad anello tra i rifugi Viola e Federico in Dosdè, le malghe Viola e Dosdè, il Ghiacciaio Dosdè della Cima Piazzi fino alla Piana di Caricc con lo spettacolare canyon.
  • “Con le spalle nel vuoto. Vita di Mary Varale” (Italia, 2010, 30′). Unica proiezione venerdì 12 giugno ore 21. Regia: Marco Ongania, Sabrina Bonaiti. In un lungo ed emozionante flash back di 30 minuti, “Con le Spalle nel vuoto” ricostruisce la giovinezza e la maturità di Mary Varale, una donna che ha lasciato un profondo solco nella storia dell’alpinismo. Nel film si intrecciano gli scritti del marito giornalista Vittorio Varale, i ricordi, le testimonianze dei parenti più stretti e i racconti di storici e alpinisti che si sono appassionati alla sua storia.
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close