• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Spedizione terminata per Adam Bielecki e Felix Berg che rinunciano anche all’Annapurna

Spedizione terminata per Adam Bielecki e Felix Berg.

Dopo la discesa dal Langtang Lirung arriva anche la notizia della rinuncia all’Annapurna.

La neve incessante di questi giorni ci  ha dato prova di aver fatto la scelta giusta” – scrive Adam, informando i tanti follower della scelta appena presa – “Le previsioni per la prossima settimana sono pessime. Il tempo non ci ha dato modo di arrampicare una montagna meravigliosa e difficile come il Langtang Lirung. Ma anche l’Annapurna è sotto costanti nevicate e la nostra acclimatazione è troppo debole per consentirci di salire lungo una nuova e complicata via su un Ottomila. Siamo costretti a chiudere la spedizione”.

Una scelta sofferta che lascia in Bielecki il dispiacere di non aver neanche avuto modo di mettere un piede su quella via per cui si è preparato per ben due anni.

Non mi sono mai sentito preparato per una spedizione come in questa”. Perfettamente comprensibile il suo disappunto di fronte al fallimento degli obiettivi prefissati.

Cerco di confortarmi pensando che il fallimento è la madre del successo”.

Analizzando la situazione da un altro punto di vista, come scrive Bielecki, “abbiamo vissuto un’avventura magnifica su una montagna che viene salita di rado, bellissima. Abbiamo arrampicato bene e con tenacia, abbiamo imparato una lezione di estremo valore sul salire in stile alpino sulle montagne più alte. Io e Felix siamo ancora buoni amici e, cosa più importante, siamo vivi e in buona salute. Pronti a tornare dai nostri amici e da coloro che amiamo”.

Cosa importante è che l’idea di salire una nuova via in stile alpino su un Ottomila resti.

Questa spedizione ha riconfermato che ciò che cerco sulle vette più alte e sulle montagne in generale sono le avventure in autonomia nelle regioni più selvagge e che questo tipo di attività rappresenta per me una tentazione maggiore del salire gli Ottomila”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.