• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Monte Bianco: alpinisti bloccati in vetta alla Tour Ronde. Recuperati dall’elisoccorso francese

AGGIORNAMENTO ore 16.00 – Ce l’ha infine fatta a volare, nonostante le condizioni meteo avverse,  l’elisoccorso francese riuscendo a recuperare i due alpinisti bloccati in vetta alla Tour Ronde, nel massiccio del Monte Bianco, a quota 3.792 mt sul versante francese.

I due sono in buone condizioni fisiche e sono stati elitrasportati a Chamonix.


AGGIORNAMENTO ore 15.00 – La squadra di soccorso rientra a Punta Helbronner a causa del forte pericolo di valanghe. Si attende un miglioramento delle condizioni meteo per una ulteriore valutazione della situazione.


AGGIORNAMENTO ore 13.30 – La squadra via terra ha raggiunto la base della Tour Ronde e si trova a quota 3500m circa.

Si sta valutando se procedere, viste le condizioni meteo avverse, la presenza di molta neve dovuta alle precipitazioni in corso e l’oggettivo pericolo di valanghe. Al momento è impossibile procedere in sicurezza.
Seguono aggiornamenti.


Ore 12.30 – E’ in corso un intervento del Soccorso Alpino Valdostano in supporto al PGHM per il recupero di due alpinisti bloccati in vetta alla Tour Ronde, nel massiccio del Monte Bianco, a quota 3.792 mt sul versante francese.

Le condizioni meteo avverse e la scarsa visibilità non permettono l’impiego dell’elicottero. La squadra procede via terra ed composta da tre guide tecnici specializzati del Soccorso Alpino Valdostano, personale del Sagf e quattro soccorritori della Gendarmerie francese.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Sono contento che tutto sia risolto nei migliore dei modi, però è da idioti uscire con delle previsioni meteo pessime come quelle che c’erano in questi giorni. Spero che dopo un tè caldo, gli presentino, almeno, il conto del soccorso.

    1. esattamente, non so bene chi debba pagare in questi casi le spese del soccorso, ma normalmente quando tocchi la gente nel portafoglio dopo la smettono di mettersi nei guai e mettere a rischio la vita dei soccorritori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.