Cronaca

Uccide una vipera e cade nel torrente

immagine

GORZONE DI DARFO, Brescia — Tragico incidente ieri pomeriggio a Gorzone di Darfo, in Valcamonica. Un pescatore è morto tentando di salvare il cognato da un vipera: colpendo il serpente con la canna da pesca, ha perso l’equilibrio ed è finito in un parte in secca del torrente Dezzo. Un colpo alla testa sulle rocce che non gli ha lasciato scampo.

L’incidente è avvenuto ieri intorno alle 4 del pomeriggio, nel territorio di Gorzone di Darfo, in Valcamonica. La vittima è pescatore di 58 anni, residente nel posto, che insieme al cognato, era uscito per andare a pescare. Dopo una giornata sulle rive del torrente Dezzo, stavano rientrando a casa quando si è verificata la disgrazia.

Sul sentiero di ritorno, che risale la montagna mantenendosi sopra il Dezzo circa una ventina di metri, il 58enne ha avvistato una vipera. Ha gridato all’amico di stare attento, e ha ucciso il serpente con la canna richiusa, spezzandolo in due. Nel muoversi però ha perso l’equilibrio ed è precipitato nel torrente, che in quel punto è completamente in secca. Così l’uomo si è schianto al suolo, battendo violentemente la testa.

Subito il cognato ha iniziato a gridare aiuto e ha chiamato i Soccorsi. Mentre gli abitanti del paese, richiamati dalle urla, arrivavano sul posto, l’elicottero del Soccorso alpino era all’opera per recuperare la vittima. Al secondo tentativo i soccorritori hanno agganciato il corpo con il verricello, ma per lui non c’er più niente da fare, era morto sul colpo.

Valentina d’Angella

Foto e info courtesy of Bresciaoggi.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close