Cronaca

Otto turiste recuperate sul monte Sirente

immagine

AVEZZANO, L’Aquila — Otto turiste, provenienti da Spagna, Messico, Perù, Colombia, Brasile e Argentina, sono state recuperate ieri sera sul monte Sirente, nell’Appennino abruzzese. Le escursioniste, volontarie nel Campo internazionale a sostegno dei terremotati a San Felice d’Ocre, avevano sfruttato il loro giorno libero per fare un’escursione in montagna, ma sono state sorprese dal maltempo.

Le 8 donne, tutte di età compresa tra i 30 e i 36 anni, provenienti da Spagna, Messico, Perù, Colombia, Brasile e Argentina, erano partite ieri mattina per un’escursione in montagna. Partite da Rovere avevano imboccato il sentiero del monte Sirente.

Le escursioniste, secondo le fonti tutte atleticamente molto preparate ma inesperte di montagna, avevano percorso un lungo tragitto ed erano arrivate sul versante nord del Sirente, nella zona di Valle D’Arano. Una volta qui però, il tempo sarebbe cambiato e alla vista di nuvoloni che preannunciavano un temporale sarebbero state prese dal panico.

Così hanno chiesto aiuto con il cellulare e una numerosa squadra del Soccorso Alpino di Avezzano si è messa sulle loro tracce. Le donne non sapevano esattamente dove fossero, ma hanno fatto sapere di essere nelle vicinanze di alcune roulotte, utilizzate come rifugi da alcuni pastori della zona.

Dopo diverse ore di ricerche i soccorritori, con l’aiuto degli uomini della Forestale di Magliano bis e di un elicottero del 118 dell’Aquila, sono riusciti a localizzarle, e a riportarle a valle prima che fosse completamente buio. Le ragazze, volontarie nel Campo internazionale a sostegno dei terremotati a San Felice d’Ocre, stavano tutte bene e sono potute tornare alle loro attività.

Foto courtesy of lentopede.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close