Cronaca

Alpinisti precipitano in canalone: salvi

immagine

TAMBRE, Belluno — Erano saliti in vetta al Cimon di Palantina in Alpago, e mentre scendevano verso il rifugio Semenza sono precipitati in un canalone. I due uomini, uno con gli sci d’alpinismo e l’altro con i ramponi, sono scivolati per alcuni metri: uno dei due fortunatamente è riuscito a fermarsi dopo poco e a chiamare aiuto. Entrambi sono stati tratti in salvo.

Si tratta di un 48enne e di un 40enne di Caneva, in provincia di Pordenone. I due lunedì scorso erano saliti sul Cimon di Palantina, una montagna di 2.195 metri in Alpago, uno con gli sci d’alpinismo, l’altro con i ramponi. Per scendere avevano preso il sentiero alto che taglia in cresta e che raggiunge il rifugio Semenza.
 
Durante il ritorno però, una cinquantina di metri sopra il Sasson della Madonna, sono scivolati in un canale innevato. Il 48enne è caduto per diversi metri, finchè non è rimasto incastrato tra la neve e la roccia. L’altro invece è riuscito a fermarsi prima e a lanciare l’allarme.
 
Erano circa le 10 del mattino. Sul posto è arrivata l’eliambuanza di Pieve di Cadore: un medico e un tecnico del Soccorso alpino sono stati calati con un verricello di 10 metri e hanno recuperato l’infortunato più grave. Poi è stato preso anche l’altro con una manovra di hovering.
 
Il primo è stato trasportato all’ospedale di Belluno in elicottero: gli è stato diagnosticato un sospetto trauma cranico e la rottura di un braccio, mentre il secondo avrebbe riportato una frattura alla caviglia.
 
 
Valentina d’Angella
 
Foto d’archivio courtesy of alpago.bl.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close