Alpinismo

Broad Peak: Moro fermato dal ghiaccio

Ghiaccio verso campo 3 (foto Simone Moro)

Updated ISLAMABAD, Pakistan — Sembrava fosse arrivata l’ora di guardare la vetta da vicino. Invece, la salita di Simone Moro sul Broad Peak si è arrestata a circa 7000 metri, dopo un difficile tratto di ghiaccio che la squadra ha dovuto attrezzare per intero. Ma l’alpinista è soddisfatto del risultato: "abbiamo fatto un passo importante" scrive nel report, giunto in redazione proprio in questi minuti insieme al video della salita.

"Domenica siamo saliti direttamente dal campo base fino al campo 2 – racconta Moro -. E’ stata durissima, perché eravamo carichi e le condizioni meteo erano pessime. Ma abbiamo lottato perchè sapevamo che il giorno successivo ci sarebbe stata una giornata di sole e poco vento".

"Il nostro campo 2 era solo un deposito – prosegue l’alpinista -. Abbiamo speso la giornata ad allestire la tenda, preparando la piazzuola sulla superficie ghiacciata. La notte è stata veramente gelida: 35 gradi sottozero. Abbiamo dormito poche ore. Ma il giorno dopo, come previsto, la giornata era fantastica".

La tregua delle raffiche di quelle ore ha consentito a Moro e ai suoi due compagni pakistani di proseguire verso il campo più alto, ma, purtroppo, non di raggiungerlo.

"Salendo non abbiamo trovato vecchie corde fisse come speravamo – racconta Moro -. Abbiamo dovuto fissare con parsimonia i 200 metri di cordino che avevamo nelle parti più ghiacciate e ripide. Diversamente da come osservato con il binocolo, anche sopra campo 2 ci sono molte sezioni di ghiaccio verde, infido e traditore".

Simone Moro dopo la notte a campo 2"Purtroppo – prosegue l’alpinista – a circa tre ore i marcia da campo 3 le nostre corde erano finite. Il punto raggiunto però coincide con l’inizio del calo delle pendenze e pensiamo che con 50 o 100 metri di corde dovremmo arrivare sulla superficie camminabile. Abbiamo deciso di scendere direttamente al campo base, perché le previsioni davano forte intensificazione del vento oltre i 7000 metri".
 
Il corteggiamento di Moro al Broad Peak dura ormai da un mese. Senza contare le settimane passate in bassa quota a risolvere i problemi logistici dei materiali e del trasporto al campo base.

"Il tempo è stato maledettamente brutto – spiega Moro -. Abbiamo avuto notti difficili, ventose e fredde. Dal Nepal mi hanno scritto segnalandomi che questo è l’inverno più freddo degli ultimi 30 anni. Non so se è vero, ma dopo 9 spedizioni invernali, posso garantire che questa è davvero duretta…"

Ma l’alpinista bergamasco non perde la concentrazione e attende paziente al campo base, in attesa dell’occasione giusta per tentare il tutto per tutto.

Guarda il video

Sara Sottocornola

Broad Peak, il tracciato seguito da Simone Moro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close