AlpinismoAlta quota

Da Polenza: congratulazioni Marco, non crucciarti delle critiche

Agostino Da Polenza
Agostino Da Polenza

KATHMANDU, Nepal — “Ciao Marco, ho letto la notizia della tua salita sul Manaslu. Complimenti, te lo sei meritato”. Queste le congratulazioni che Agostino Da Polenza, presidente del Comitato Evk2Cnr e capospedizione di Marco Confortola in diverse occasioni, ha voluto rivolgere all’alpinista valtellinese dopo la vetta del Manaslu raggiunta ieri mattina.

“Non crucciarti troppo per chi ti critica per il fatto che non hai lasciato la montagna dopo l’incidente terribile della scorsa settimana – prosegue Da Polenza -. La storia dell’alpinismo ci insegna che spesso le spedizioni, dopo le operazioni di soccorso e recupero e qualche giorno di tregua da una tragedia, riprendono a salire la montagna”.

“La storia ci racconta anche di spedizioni che non hanno soccorso altri alpinisti – prosegue Da Polenza -, che li hanno lasciati morire o abbandonati per futili motivi o vigliaccheria. Non è certo questo del Manaslu il caso. Seppur con la tristezza che deve temperare in questi casi la gioia del successo, goditelo”.

Da Polenza in questo momento si trova nella Valle del Khumbu, impegnato a Namche Bazaar per l’inaugurazione del nuovo inceneritore realizzato da EvK2Cnr in collaborazione con Spcc e Eco Himal, e per la premiazione dei bimbi del concorso “Draw your mountains” promosso da Evk2Cnr nelle scuole del Khumbu insieme ad una campagna di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici  in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente.

Tags

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Concordo con Da Polenza ….. ma sarebbe stato un po’ più rispettoso – dopo una tragedia di tali proporzioni – rinunciare alla meta, che seppur importante, rimane una “conquista dell’inutile”.
    Ma siccome siamo tutti “conquistatori dell’inutile”, è pienamente capibile la scelta di Confortola … solo poteva essere giustificata con più trasparenza e senza tirare in ballo motociclisti ed altre amenità.

  2. E’ dalla morte del caro Sic che Marco ha fatto questa promessa alla famiglia Simoncelli. Ho visto il legame di queste due famiglie in Valfurva quest’estate e loro erano tutti belli sereni a farsi i fatti loro, andando per montagne, salendo sul Cevedale come ha fatto Sic in passato e vivendo quei posti che Marco amava frequentare praticando sport con l’amico Confortola. Dietro alla voglia di mantenere una promessa non credo che ci sia nulla di male ….al contrario, mi complimento per la parola data e mantenuta.

  3. mi aspettavo il plauso di Da Polenza per questa impresa. con questi personaggi non salirei neanche la collina di S. Quirico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close