AmbienteGreen

Nepal. Tigre avvistata per la prima volta oltre 3000 metri

Il 2020 si è rivelato un anno estremamente limitante per l’uomo ma non per la natura, che come abbiamo avuto modo di raccontare più volte negli scorsi mesi, ha recuperato spazi e regalato emozioni. In Nepal la sorpresa maggiore sul finire dell’anno passato è giunta da quota 3165 metri. Altezza cui per la prima volta nella storia è stata avvistata una tigre reale del Bengala.

Fototrappolaggio nel distretto di Ilam

Siamo nel distretto di Ilam, tra le vette del Nord Est del Nepal, nel cosiddetto Kangchenjunga Landscape. Settore dell’Hindu Kush alla cui conservazione collaborano i tre Stati di pertinenza: Nepal, India e Bhutan. Nel distretto dell’Ilam le tigri, sulla base dei dati a disposizione e della memoria locale, non sono mai state viste giungere finora. A livello più ampio, su scala nazionale, si tratta dell’avvistamento più alto della storia.

Secondo il WWF Nepal le motivazioni che spingono le tigri a salire in quota sarebbero fondamentalmente tre: i cambiamenti climatici, il bracconaggio e la distruzione degli habitat a quote inferiori. Come spiegano gli zoologi, le tigri si spostano alla ricerca di cibo e acqua – entrambi carenti negli habitat tradizionali – o a causa di temperature crescenti nelle aree di bassa quota.

Le aree principali del Paese in cui è tradizionalmente nota la presenza della tigre sono rappresentate dai territori di pianura, nei Parchi Nazionali di Chitwan e Bardia. L’avvistamento degli scorsi mesi a quota 3000 metri rappresenta in assoluto il secondo realizzato in alta quota in Nepal. Un esemplare di tigre è stato infatti avvistato nella primavera del 2020 a quota 2500 metri nelle foreste del distretto di Dadeldhura, nell’Ovest del Nepal.

Non si tratta in ogni caso dell’avvistamento più elevato di una tigre reale a livello globale. Ricorderete forse l’esemplare “da record” avvistato a 4038 metri in Bhutan nel 2018.

Dai panda rossi alle tigri reali

Le immagini della tigre in movimento nelle foreste dell’Ilam sono state catturate dalle fototrappole presenti nella regione del Kangchenjunga. All’interno dell’area negli scorsi anni sono state infatti posizionate decine di fototrappole, in grado di attivarsi tramite sensori di movimento, collocate in punti strategici dagli esperti del Red Panda Network in collaborazione con il Dipartimento nepalese per la Conservazione delle Foreste e del Suolo, allo scopo di monitorare gli spostamenti dei panda rossi, specie in via di estinzione, dotati di collare satellitare GPS.

“L’avvistamento della tigre dimostra l’importanza dell’area di conservazione del Kangchenjunga, nell’Est del Nepal – ha dichiarato Madhuri Karki Thapa del Dipartimento per la Conservazione delle Foreste e del Suolo del Nepal al Nepali Times – . E necessita di una speciale attenzione in quanto le foreste rappresentano delle naturali vie di collegamento tra il Singalia National Park in India, il Nord del Sikkim e l’area del Dooars nel Nord del Bengala”.

Una affermazione su cui concorda Ang Phuri Sherpa, Country Director del Red Panda Network. “Il primo avvistamento in assoluto di una tigre nel distretto di Ilam dimostra quanto sia importante tale corridoio ecologico nell’Est del Nepal. Pertanto area che va prioritariamente difesa e conservata”. Una dichiarazione che accende gli animi dei conservazionisti, che da tempo chiedono di investire attenzione e risorse nella ricostituzione dei corridoi ecologici tra le regioni himalayane, così da contrastare la dispersione delle specie selvatiche e aiutarne la conservazione.

La tigre reale del Bengala (Panthera tigris tigris) è annoverata nella Red List delle specie a rischio estinzione dell’IUCN (International Union for Nature Conservation), pertanto oggetto di protezione in Nepal. Un impegno significativo da parte del Paese che da anni cerca di raggiungere l’obiettivo, definito nel 2010, in occasione del St Petersburg Tiger Summit, di raddoppiare la popolazione dei grandi felini. Un censimento del 2018 aveva già segnalato un positivo incremento dai 121 esemplari del 2009 a 235.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close