Outdoor

Monte Rosa SkyMarathon, successo per la seconda edizione

Successo per la seconda edizione della Monte Rosa SkyMarathon, la gara di skyrunning più alta d’Europa rinata lo scorso anno per volontà di un gruppo di appassionati dopo 25 anni. 400 atleti, provenienti da 25 Paesi si sono presentati alla partenza della manifestazione che si sarebbe dovuta tenere lo scorso 22 giugno, rinviata poi al 23 a causa del maltempo.

È stato sufficiente il forte vento da Nord per aprire il cielo di Alagna Valsesia e consentire ai partecipanti di attaccare, alle prima luci dell’alba, la salita verso i 4000 metri della Capanna Margherita giro di boa del tracciato lungo 35 chilometri. Settemila metri il dislivello complessivo affrontato su morene, nevai e ghiacciai. Un terreno dove oltre a cuore e polmoni servono competenze tecniche e abilità alpinistiche, motivo per cui la gara si svolge a coppie legate in cordata.

Sul podio l’italiano William Boffelli, già vincitore dell’edizione 2018, che questa volta si è legato all’austriaco Jakob Herrmann. Con lui ci sarebbe però dovuto essere il compagno di cordata dello scorso anno e trionfatore del Tor de Geants 2018 Franco Collè, che ha dovuto purtroppo rinunciare a causa di un problema di salute. 25 i minuti che separavano gli atleti al giro di boa dei 4mila metri. “Ci tenevo tantissimo a fare bene nella Monte Rosa SkyMarathon, perché è bellissima e unica,” ha dichiarato Boffelli. “Purtroppo l’inconveniente di Franco mi ha obbligato a cambiare i piani, ma ringrazio moltissimo Jakob che ha accettato di imbarcarsi in questa avventura con solo quattro giorni di preavviso. Lui non è abituato alla discesa, ma ce l’ha messa tutta per starmi dietro! Dedico questa vittoria a Franco con la promessa di tornare a farla con lui”.

A vincere la gara femminile la coppia formata dalle polacche Natalia Tomasiak e Katarzyna Solinska grazie a uno sprint finale con cui hanno sorpassato le italiane Giuditta Turini e Laura Besseghini, dominatrici della gara fino all’ultima discesa dove una caduta ha costretto la squadra al ritiro. “Sono molto dispiaciuta per le ragazze italiane, ma sono così felice. È come una favola diventata realtà!” ha commentato Natalia Tomasiak.

 

Risultati Monte Rosa SkyMarathon

Uomini

  1. Boffelli-Herrmann (ITA/AUT) – 4h51’58”
  2. Beccari-Felicetti (ITA) – 5h10’41”
  3. Carrara-Montani (ITA) – 5h30’02”
  4. Giovanelli-Della Mea (ITA) – 5h41’37”
  5. Moser-Salcher (SUI) – 5h46’06”

Donne

  1. Tomasiak-Solinska (POL) – 6h38’14”
  2. Witowska-Januszyk (POL) – 6h38’14”
  3. Quincoces-Campos (ESP) – 7h15’59”
  4. Pessey-Grandjean (FRA) – 7h38’16”
  5. Ermakova-Stefanishina (RUS) – 7h50’40”
Tags

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Ma per favore! continuiamo pure a fare passare messaggi sbagliati…montagne a portata di mano, salite alla portata di tutti e in con braghette e scarpette! Non lo dite però che la gara doveva essere fatta sabato, poi causa maltempo (su percorso tracciato-monitorato-battuto dalle guide..) poverini..cosa avevano freddo! Un alpinista VERO è ben altro…povero Monte Rosa altro che luna park!

  2. Che commento del cavolo,si vede che non conosci proprio niente dell’ambiente dello skyrunning;fatto sia da persone che si dedicano a skyrace o trail semplici fino a quelli che corrono ultra trail e ultra SkyMarathon con dislivelli e kilometraggi notevoli,ci sono anche tanti alpinisti e scialpinisti che si dedicano a queste gare;non è alpinismo?questione di punti di vista..per partecipare alla gara veniva richiesto un curriculum sia alpinistico che di gare (ski Alp e Sky race) oltre ad una dotazione obbligatoria di materiale da portarsi dietro e utilizzare.
    Che la gara sia stata rinviata è stata solo una cosa giusta,chi si prenderebbe la responsabilità di mandare 400 persone su un ghiacciaio con 30 cm di neve fresca e brutto tempo?neanche l’alpinista più sprovveduto farebbe una cosa del genere.
    Ma poi di cosa parliamo???durante la gara (visto che ho avuto il piacere di correrla e terminarla per il secondo anno)li ho visti i cosiddetti alpinisti “trascinati” verso la capanna Regina Margherita,gente che di alpinista aveva solo l’attrezzatura..quelli però vanno bene?

  3. Cara Stefania ( in minuscolo) xche nn meriti rispetto, scrivi xche’ annoiata della tua vita senza scopi concreti , oppure per innescare polemiche con la speranza che qualcuno le raccolga e dia inizio ad un dibattito che ti tiene occupata …???
    Persone come te ,che dietro a una tastiera si sente forte, noi gente di montagna NON NE ABBIAMO BISOGNO!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close