Cronaca

Escursionista muore sul Pasubio

immagine

POSINA, Vicenza — Un escursionista vicentino di 35 anni è morto ieri sul monte Pasubio. Stava camminando con un amico sulla strada degli Scarubbi, una strada carrabile della Prima Guerra Mondiale, quando intorno ai 1800 metri, nonostante i ramponi, è scivolato sul ghiaccio e caduto nel canalone per 400 metri.

La vittima è un 45enne di Valdagno, in provincia di Vicenza, che con un amico ieri era uscito per un’escursione sul monte Pasubio. Secondo quanto riferisce la stampa locale, i due erano assidui frequentatori delle montagne, e sarebbero quindi stati equipaggiati correttamente con ramponi e piccozze.

Ciò nonostante intorno alle 13 si è verificato l’incidente. I due escursionisti si trovavano sulla strada degli Scarubbi, che sul massiccio del Pasubio parte dal Passo Xomo, a 1058 metri, e arriva alle Porte del Pasubio, a 1928 metri. Erano a circa 1.750 metri di altezza in un tratto in cui la strada è intagliata nella roccia, quando l’uomo è scivolato probabilmente sul fondo ghiacciato.

E’ finito così nel ripido canalone sottostante, dove è precipitato per 400 metri. Subito l’amico ha dato l’allarme al 118: sul posto sono arrivate le squadre del Soccorso alpino di Schio e Arsiero e l’elisoccorso di Trento. Inutili però i tentativi di salvarlo. La salma è stata ricomposta, recuperata con il verricello e trasportata a valle

Il Soccorso alpino ricorda come in questi giorni le condizioni delle nostre montagne siano particolarmente critiche e come anche i sentieri più familiari si trasformano in pericolosissime lastre di ghiaccio, vanificando talvolta l’utilizzo di attrezzatura tecnica.

Valentina d’Angella

Foto courtesy of Il Giornale di Vicenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close