Cronaca

Monti Sibillini, ritrovati escursionisti

immagine

MONTEFORTINO, Fermo — Sono stati ritrovati in buone condizioni i due alpinisti marchigiani dispersi nel parco nazionale dei Monti Sibillini. Zio e nipote avevano lasciato l’auto ai piedi del Monte Prata da cui erano partiti domenica per raggiungere il Monte Porche. Durante il tragitto però si erano persi, fermandosi nella Gola dell’Infernaccio. Ieri mattina alle 5 sono stati individuati.

Gli escursionisti erano un uomo di 43 anni di Offagna, in provincia di Ancona, e suo nipote di 25 anni di Castelfidardo. I due domenica mattina erano partiti per un’escursione: avevano parcheggiato la macchina alle pendici del monte Prata, nel parco dei Monti Sibillini, diretti verso il l monte Porche, una vetta di 2.233 metri. Alla sera però non avevano fatto ritorno a casa e così la famiglia aveva dato l’allarme.

I soccorritori hanno localizzato il luogo da cui era partito l’ultimo contatto telefonico tra i dispersi e i familiari, avvenuto alle 14:30 di domenica nei pressi di Montefalcone Appennino. Il padre di uno dei ha avvistato l’auto dei due nel parcheggio del Monte Prata, mentre il Soccorso alpino di Macerata e Montefortino, agenti della Forestale, carabinieri, pompieri e volontari seguivano le loro tracce. Per tutta la notte li hanno cercati finchè alle 5 di ieri mattina non li hanno individuati nella Gola dell’Infernaccio, dove avevano trovato riparo per la notte.

Zio e nipote erano infreddoliti ma sani e salvi. I soccorritori li hanno riportati a valle.

Valentina d’Angella

Photo courtesy of viaggiscoop,it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close