Scienza e tecnologia

Ghiacciai a rischio estinzione in 40 anni

MILANO — E’ come se negli ultimi anni fossero spariti quattro grandi laghi alpini. Sono queste le drammatiche conseguenze dell’arretramento dei ghiacciai sulle Alpi, emerse dal convegno "Clima e ghiacciai" tenuto sabato all’Università Statale di Milano.

 
Esperti e scienziati si sono confrontati sui dati raccolti dal Comitato Glaciologico italiano che parlano del rischio concreto dell’estinzione dei ghiacciai dalle Alpi entro 40 anni.

"Sicuramente – spiega Claudio Smiraglia, presidente del Comitato glaciologico italiano e collaboratore del Comitato Ev-K2-Cnr, – se non ci saranno cambiamenti sensibili del clima i ghiacciai lombardi, un pò come tutti i ghicciai alpini, avranno un tempo di sopravvivenza che si può stimare in qualche decennio". 

"Le previsioni che abbiamo fatto sono che i più piccoli, a metà del nostro secolo, saranno completamente estinti. I ghiacciai più grandi sopravviveranno ancora fino a fine secolo ma ridotti a piccole placche" ha aggiunto Smiraglia. 

Stando ai dati rilevati dalla prima stazione meteorologica installata in Italia sul ghiacciaio dei Forni, in alta Valtellina, le variazioni meteo-climatiche in alta montagna sarebbero molto più veloci di quelle che avvengono in pianura. 

Dal 2001 gli scienziati hanno notato un incremento della temperatura del permafrost – il ghiaccio che entra in profondità nelle pareti rocciose – di quasi mezzo grado fino a una profondità di 40 metri. Questo ha innescato enormi frane su tutte le montagne italiane.

"Dalle ricerche – dice il presidente del Comitato glaciologico italiano – sta emergendo questa fase di dissesto continuo del glacialismo alpino, in particolare i carotaggi che abbiamo fatto sulle Alpi in alta quota, sul Monte Rosa e sul Monte Bianco, emerge che il clima continua a cambiare. E abbiamo sicuramente una fase di riscaldamento intenso che sta comportando un’accelerazione del decadimento glaciale".

Anche i laghi in alta quota stanno dando segni di arretramento. Di conseguenza la vegetazione alpina si sta espandendo a ritmi superiori alle previsioni. 

"I ghiacciai arretrano quindi lasciando spazio alla vegetazione che evidentemente si appropria di spazi che non aveva anni fa. Ma oggi – conclude Smiraglia – con l’incremento della temperatura la vegetazione può salire a quote più elevate rispetto a solo vent’anni fa. Quello che abbiamo osservato è che questo fenomeno è molto più veloce di quanto ci aspettassimo".

Tutta colpa del riscaldamento globale, dunque. Una situazione pesante che si riscontra anche in altre parti del mondo. Il comitato Everest-K2-Cnr, attraverso la sua rete di monitoraggio Share, tiene sotto controllo Himalaya e Karakorum. 

"I ghiacciai certamente stanno riducendosi in grandezza e spessore – dice Agostino Da Polenza, presidente del Comitato Ev-K²-Cnr, – le risorse idriche stanno diminuendo, il permafrost si sta riducendo e sciogliendo, per cui c’è una situazione di deglacializzazione delle aree alte della Terra".

Valentina Corti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close