Foto

Un crepaccio in mezzo alla strada

immagine generica

La strada diventa un insidioso ghiacciaio. E improvvisamente, davanti a voi, si apre un tremendo crepaccio di cui non è possibile vedere il fondo. Una tragica avventura? No, cari lettori. Soltanto una straordinaria illusione ottica: ecco “Ice Age”, l’ultimo dipinto su strada dell’artista tedesco Edgar Muller che ha saputo trasformare, usando dei semplici colori acrilici, l’asfalto irlandese in una terrificante trappola di ghiaccio. Ecco foto e video della realizzazione!

Il crepaccio, ampio ben 250 metri quadrati, è stato disegnato su una strada della cittadina irlandese di Dún Laoghaire, non lontano da Dublino, in occasione del Festival of World Cultures. Per realizzarlo, Muller ha lavorato cinque giorni per 12 ore al giorno: il risultato è davvero strabiliante.

Come fa? A quanto pare, il suo segreto è la lente di una macchina fotografica. Questo strumento gli permette di individuare, da un unico punto di vista, le linee prospettiche in grado di ingannare l’occhio umano.
“I dipinti in 3d su strada sono una vera forma d’arte – ha detto Muller alla stampa -. Nel mondo, soltanto una manciata di persone sono in grado di realizzare opere del genere. E’ un’arte nuova, ma attinge da principi molto antichi: quelli dell’anamorfismo, inventato nel Rinascimento e usato anche da Michelangelo e Leonardo da Vinci”.

Ice age è solo una delle opere di Muller. L’anno scorso, l’artista ha trasformato un vicolo della cittadina tedesca di Geldern in un apocalittico fiume lava e una strada di Moose Jaw, in Canada, in un’enorme cascata che occupava più di 270 metri quadrati di terreno.

Guarda il video per scoprire come è stato realizzato il crepaccio di Ice Age!

Immagini courtesy of http://www.metanamorph.com/ e http://www.european-street-painting.com

[nggallery id=150]

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close