• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Top News

Nives Meroi e Romano Benet rientrati in sordina. “Che folla al Kangchenjunga!”

Romano e Nives. Foto archivio Meroi-BenetRomano e Nives. Foto archivio Meroi-Benet

Partiti in silenzio, tornati in silenzio. È il loro stile pulito e sobrio, quello che sono riusciti a mantenere nonostante la pressione mediatica. Nives Meroi e Romano Benet sono rientrati in Italia la scorsa notte dopo aver rinunciato al loro obiettivo himalayano. I due erano partiti a metà aprile con l’obiettivo di aprire una nuova via sul Kangbachen (7902 m, Kangchenjunga), ma “arrivati sotto la parete ci siamo resi conto che per il nostro progetto sarebbe stato necessario essere almeno in tre spiegano.

Scartato quindi questo tracciato i due si sono spostati su una via laterale “che sale in mezzo a una seraccata con enormi crepacci che ci hanno impegnati per giorni”. Un intricato labirinto ghiacciato simile all’Icefall dell’Everest in cui la coppia non è riuscita a trovare un varco verso le quote più alte. “Prima di rinunciare abbiamo toccato i 6200 metri”.

“Quest’anno c’era un grande affollamento al campo base del Kangchenjunga, li vedevamo dal nostro campo. Mai vista una cosa del genere racconta ancora la coppia che ci tiene a sottolineare di essere arrivata a piedi fin sotto la montagna. “Oltre a noi solo gli sherpa se la sono fatta camminando, i nostri colleghi sono arrivati tutti o quasi in elicottero” alla base della terza montagna del Pianeta su cui, qualche giorno fa, è terminato il lavoro di attrezzamento della via con le corde fisse. “A veder tutto questo ti senti a disagio, non tanto per te quanto per gli altri” commenta Romano.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Grazie della testimonianza! Molti non han capito che gli alpinisti vip girano in elicottero ma il materiale va via terra . Comunque andiamo avanti si vede che va bene così. Un saluto e ancora grazie.

  2. Già. Ma non sono alpinisti Vip, sono alpinisti scarsi. Quelli forti vanno a piedi in Kajak e si portano i pesi e scalano anche forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.