• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata

Arrampicata sportiva: verso i giochi olimpici di Tokyo 2020 con Adam Ondra

Terminata l’avventura della tappa della Coppa del Mondo Boulder 2019, disputata a Meiringen in Svizzera il 5 e 6 aprile, che ha regalato a Adam Ondra il primo oro in questo viaggio verso le Olimpiadi del 2020, un nuovo episodio di Adam Ondra: Road to Tokyo 2020 ci porta in Russia, a Mosca. Qui il 13 e 14 aprile 467 atleti provenienti da 39 paesi in Europa, Asia, Sud e Nord America si sono sfidati nella Coppa del Mondo IFSC Boulder e Speed.

Come siamo ormai abituati, anche questo video inizia in auto, con l’arrivo di Adam per la seconda volta nella sua vita a Mosca, a 9 anni dal Bouldering World Cup 2010, manifestazione in cui portò a casa la sua prima vittoria in assoluto nel boulder.

Benvenuto in una città totalmente diversa” – lo apostrofa l’autista, preparandolo a una nuova esperienza senza paragoni.

Come a Meiringen si inizia con la isolation zone e le qualificazioni. Un inizio amaro che rivela un Adam in tutta la sua umanità, con i suoi limiti, anche dovuti di certo alla stanchezza non recuperata dopo la gara svizzera. Ma lo sguardo deluso del climber ceco, ammesso alle semifinali partendo dall’ultima posizione, lascerà a breve il posto al campione senza freni e gravità cui siamo abituati.

Conquistato il primo posto alle semifinali si va con energia verso l’ultima gara ma l’oro sfuma per un soffio e Ondra si posiziona secondo, alle spalle di Jernej Kruder.

Con un argento che si aggiunge alla collezione, prosegue il viaggio verso Tokyo!

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.