CronacaIce climbingNewsOutdoor

Cogne: recuperati nella notte 7 ghiacciatori bloccati su cascata

Nel corso della notte il Soccorso Alpino Valdostano è intervenuto in un soccorso su cascata di ghiaccio a Cogne per il recupero di 7 ghiacciatori in difficoltà lungo la cascata “Cold Couloir”.
L’intervento, coordinato dalle Guide Tecnici del Soccorso Alpino Valdostano e condotto insieme a personale del SAGF e Vvf ha preso avvio poco dopo le ore 21.00 in seguito alla segnalazione di mancato rientro da parte del gestore dell’albergo in cui i sette avrebbero dovuto pernottare.
L’operazione si è conclusa all’01.15 con il recupero di tutti i ghiacciatori, 5 svizzeri e 2 francesi, che nonostante fossero bloccati sulla cascata dalla mattinata di ieri, a causa di un problema durante la discesa, sono in buone condizioni fisiche. Non hanno avuto bisogno di intervento sanitario. Le operazioni di soccorso sono state rese difficili dalla natura impervia del terreno, dal buio e dalle temperature al di sotto dei -15 gradi.

 

Fonte: Soccorso Alpino Valdostano

Tags

Articoli correlati

7 Commenti

    1. ma perchè tutto bisogna portare a un prezzo? posso capire quando si fanno delle ipotesi di cosa,o come,è potuto accadere ma non capisco quando persone che sapevano dove erano e hanno avuto dei problemi,per forza ci si deve andare addosso.D’altronde stavano facendo ciò che gli piace e tutti noi che svolgiamo questa attività a volte ci prendiamo dei rischi.Scagli una pietra chi non l’ho mai fatto!

  1. Per cortesia…. Basta con qst polemiche! Nn si può mettere un prezzo ad ogni cosa! Nn stiamo parlando di persone che sono andate in montagna in infradito. Il corpo del soccorso alpino esiste x un motivo e per questi eventi! Altrimenti vietiamo tutto e restiamo a casa a guardare la tv!

  2. premetto che sono stato volontario del Soccorso alpino e ho partecipato a un po’ di recuperi … qui si parla di 5 svizzeri e 2 francesi … avete provato a chiamare il soccorso alpino in Svizzera o in Francia ??? a me è capitato durante una sci-alpinistica della scuola della mia sezione (ero istruttore), abbiamo portato l’infortunato a valle con la nostra barella e poi via in ospedale a Bellinzona : ci han fatto pagare anche il recupero (fatto da noi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close