Alpinismo

Dichiarati morti gli alpinisti Marc-André Leclerc e Ryan Johnson, scomparsi 7 giorni fa in Alaska

Serge, il padre di Marc-André Leclerc – l’alpinista scomparso con il compagno di scalata Georges “Ryan” Johnson dopo aver scalato una della Torri di Mendenhall in Alaska e di cui non si hanno notizie da lunedì scorso – con un lungo post pubblicato su Facebook ha dichiarato morto il figlio.
Di seguito le parole del padre:

«A tutti i nostri amici vicini e lontani che ci sostengono e pregano per Marc André, ho voluto fare questo annuncio a tutti voi prima che vi arrivasse dai notiziari. Purtroppo abbiamo perso 2 scalatori davvero grandi e io ho perso un figlio di cui sono molto orgoglioso. Grazie per il supporto in questo momento difficile. Il mio cuore è spezzato. Una parte di me se n’è andata con lui.

La nostra famiglia apprezza tutte le vostre preghiere e vorremmo chiedervi un po’ di privacy mentre affrontiamo questi devastanti momenti. Marc-André era un uomo meraviglioso e pieno d’amore e ha lasciato un segno in molte persone. Sarà ricordato e amato per sempre. So che è con il nostro Signore e io un giorno sarò di nuovo con lui».

I militari dello stato dell’Alaska ed il soccorso montano di Juneau – entrambi impegnati nelle ricerche – non hanno confermato la notizia, ma il capo delle operazioni di soccorso Jackie Ebert ha detto «di aspettarsi che i comunicati stampa ufficiali siano pubblicati entro la giornata di oggi».

La dichiarazione arriva dopo che la Guardia nazionale dell’esercito, la Juneau Mountain Rescue e la guardia costiera degli Stati Uniti hanno dedicato sei giorni alle ricerche dei due alpinisti.

Marc-André Leclerc. Foto@ Juneau Empire

Ricerche notevolmente ostacolate dal meteo, che hanno costretto per molto tempo gli elicotteri a terra, tranne ieri, quando i team di soccorso sono riusciti a sorvolare e a battere per tutta la giornata gran parte della zona delle Mendenhall Towers, cime che si elevano fino ai 2100 metri e che alla base presentano un grosso ghiacciaio.

I soldi finora raccolti verranno in parte dati al figlio di due anni e mezzo di Johnson, Milo, perché nonostante la perdita del padre possa crescere serenamente.

Sia Johnson che Leclerc erano scalatori estremamente esperti. Johnson aveva scalato le Torri più volte e all’inizio dell’anno aveva ricevuto una sovvenzione di 3mila dollari dall’American Alpine Club per scalare il Monte Hayes, in Alaska.

Leclerc, come già scritto, è diventato rapidamente uno dei fuoriclasse più promettenti dell’alpinismo mondiale. John Irvine, manager di un suo sponsor e amico del giovane canadese, ha definito Leclerc un «prodigio». Una persona che nonostante la fama «è rimasto umile e continuava a condividere con gli altri il suo grande amore per l’arrampicata».

La morte di Leclerc segna una perdita importantissima per l’alpinismo americano e mondiale. Un fuoriclasse definito da Messner «tra i più forti al mondo», che tantissimo aveva ancora da dare a questo mondo.

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Congratulazioni. Buona penna. Anche se in un linguaggio rigido scriverei: per l’alpinismo USA. Meno servile, visto che il continente di Vespucci va da un polo all’altro.

  2. L’alpinismo moderno di punta ha obiettivi che noi salitore comuni di crode immaginiamo a stento e sta esigendo un numero di giovani che nel passato non ha precedenti. Negli ultimi anni davvero troppi io non ricordo una cosa del genere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close