Alpinismo

Makalu: Inurrategi sul pilastro ovest

immagine

KATHMANDU, Nepal — Partiti. Alberto Inurrategi, Mikel Zabalza e Juan Vallejo hanno iniziato la scalata al Makalu lungo la via dei francesi sul pilastro ovest, che tenteranno di salire in stile alpino. I tre alpinisti hanno lasciato ieri il base e in 8 ore sono arrivati a 6500 metri di quota. Oggi dovrebbero superare i 7000 metri. Prevedono di arrivare in vetta in circa 4 giorni.

Ieri sono saliti di 1200 metri di dislivello in 8 ore, dal base al campo alto posto a 6500 metri su un comodo pendio. Oggi il prossimo step, che dovrebbe portarli a quota 7300: altri 800 metri veramente duri. Alberto Inurrategi, Mikel Zabalza e Juan Vallejo hanno iniziato la scalata al Makalu, lungo la famosa via dei Francesi che sale lungo il pilastro ovest.
 
Si tratta di una salita con tratti di misto e di roccia molto difficili e pendenze quasi verticali. Quelle appunto intorno ai 6900 metri, che aspettano il trio in questa seconda giornata di marcia.
 
"Come se non bastassero il dislivello e le ore di cammino – scrive Inurrategi sul suo blog -, l’ultimo tratto per arrivare alla cengia a 7300 metri è il più esigente del percorso: il ‘muro Seigneur’ è un muro di 15 metri verticali dove quasi non c’è nulla dove potersi attaccare. In artificiale gli viene attribuito un livello A2 (il massimo è A5, ma qui la quota è una variante decisiva!)".
 
Gli alpinisti procedono con pochi pesi e a ritmo sostenuto. "Abbiamo cercato di portare con noi uno zaino molto leggero – continua Inurrategi – perché sarà un elemento chiave in questa salita: per superare le difficoltà e muoversi rapidamente sul terreno è indispensabile portarsi dietro il meno possibile".
 
Il team infatti sta salendo in stile alpino: senza portatori quindi, senza aver montato i campi preventivamente e senza ossigeno ovviamente. Il che – secondo le stesse parole di Vallejo riportate nel blog della spedizione – rende una via già di per sè tecnicamente difficile, ancora più complessa.
 
Ma del resto lo stile leggero e pulito è un elemento essenziale nella scalata, a cui i tre spagnoli non vogliono rinunciare. Basta pensare che nei giorni scorsi per acclimatarsi, hanno salito il Baruntse anche questo in stile alpino.
 
Secondo le previsioni Inurrategi e soci dovrebbero concludere la scalata del Makalu in 4 o 5 giorni al massimo. Ma tutto dipenderà dalla condizioni della montagna e da quanto tempo richiederà arrivare ai campi 3 e 4, i tratti più difficili da calcolare. 
 
Valentina d’Angella
 
         
                                          
Foto courtesy of blogseitb.com/kirolezblai
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close