Ricerca

Alla Capanna Margherita si "misura" il mal di montagna con i nasi elettronici

Capanna Margherita
Capanna Margherita

ALAGNA VALSESIA, Vercelli — Saranno degli avanzatissimi “nasi elettronici” a studiare e cogliere i primi segnali del mal di montagna. Tre medici olandesi cercheranno identificare differenze nelle esalazioni delle persone che raggiungeranno la Capanna Margherita, il rifugio che sorge a 4554 metri in vetta alla punta Gnifetti del Monte Rosa, tra il 1 e il 9 agosto, alla ricerca di tracce particolari nel respiro di persone colpite dal mal di montagna.

Il team di ricerca, della commissione medica del Dutch Mountaineering and Climbing Club, è formato da Marieke van Vessem, Marloes Bolman e Remco Berendsen. I tre ricercatori per nove giorni staranno alla Capanna Margherita e chiederanno agli alpinisti che saliranno in quota di sottoporsi volontariamente alla prova che consisterà semplicemente nel respirare attraverso il naso elettronico. Questo piccolo ma sofisticato macchinario rileverà una specie di “impronta del respiro” che, secondo le ipotesi dei ricercatori, dovrebbe essere diversa nel caso in cui il soggetto sia colpito da mal di montagna.

“Se riuscissimo a identificare un’impronta respiratoria specifica per il mal di montagna – dicono i ricercatori sul portale expeditionmedicine.co.uk – troveremmo un metodo di diagnosi veloce, oggettivo e non invasivo per questa patologia. Per ottenere risultati di qualità abbiamo però bisogno di molti volontari: cercheremo di diffondere la voce attraverso facebook e twitter”.

Links: www.facebook.com/DutchMedicalResearchExpeditiontwitter.com/DMRExpedition

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close