Ricette e sapori

Val d’Aosta, i dolci Carnevale

immagine generica

Coriandoli, stelle filanti e panzerotti alla marmellata: in Val d’Aosta il Carnevale si festeggia con squisiti dolcetti ripieni. Se volete preparare un dessert gustoso per la festa più pazza e divertente dell’anno, ecco per voi una delizia della cucina di montagna.

Li potete gustare a fine pasto oppure per merenda. Sono buoni, sostanziosi e nutrienti. Belli da vedere ancora più buoni da mangiare. I panzerotti alla marmellata della Val d’Aosta sono un dolce antico che le popolazioni della regione più montuosa d’Italia cucinano per tradizione a Carnevale. Non si scherza: prepararli è facilissimo!

Procuratevi gli ingredienti:

– 200 g patate 
– 200 g farina
– 20 g lievito
– un uovo
– 150 g burro fuso
– 60 g zucchero
– sale
– latte tiepido

 

Mettete in una pentola le patate con tutta la buccia, poi fatele bollire. Quando sono cotte pelatele ancora calde, quindi passatele allo schiacciapatate.

Diluite il lievito di birra con il latte tiepido, poi aggiungetelo insieme alla farina al purè. Quindi mischiete nell’impasto gli altri ingredienti: un uovo, il burro fuso, lo zucchero e un pizzico di sale.

Amalgamate il tutto e maneggiatelo fino a formare una palla. Quando è pronta mettetela in una terrina e lasciatela riposare per un’ora sotto un tovagliolo e in un luogo tiepido.

Stendete con il mattarello l’impasto e ritagliate dei quadretti. Ponete al centro mezzo cucchiaio di marmellata: potete sceglierla al frutto che più vi piace, oppure sperimentare diversi gusti, saranno sempre ottimi!

Una volta predisposto il ripieno, chiudete i quadretti facendone delle mezzelune. Poi disponeteli un po’ distanti l’uno dall’altro su una teglia imburrata e infarinata e lasciateli ancora lievitare per un’altra mezzora.

Nel frattempo pennellate la superfice dei vostri panzerotti con il tuorlo d’uovo che avrete sbattuto insieme a un cucchiaio di latte freddo. Quindi fateli cuocere in forno a 180-200 gradi finchè non diventano d’orati, dopo di che serviteli in tavola come dessert.

Un consiglio: mangiate poco prima del dolce, perchè i panzerotti sono come le ciliegie…uno tira l’altro!

 

 

Valentina d’Angella

documentprint mail-to

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close