News

Truppe italiane impegnate in offensiva sulle montagne afghane

immagine

KABUL, Afghanistan — Le forze armate italiane sono impegnate da stamattina in un’offensiva antitalebani, sulle montagne dell’Afghanistan occidentale.

Secondo fonti dell’Isaf, il contingente italiano, quello spagnolo e truppe statunitensi stanno affiancando l’esercito afghano nell’operazione “Wyconda Pincer” nella provincia di Farah. L’operazione segue una serie di attacchi suicidi dei talebani, che nei giorni scorsi ha fatto 18 vittime, tra cui quattro militari canadesi.
 
La settimana scorsa la provincia di Farah è stata teatro di un’ondata di violenze che ha spinto le autorità a chiedere l’intervento del contingente Nato. A causarla, dicono gli analisti, la pressione degli alleati nel sud del Paese che ha costretto i guerriglieri a cercare riparo verso ovest.
 
Sabato scorso la coalizione guidata dagli Usa aveva lanciato nell’Afghanistan orientale e fino al confine con il Pakistan l’operazione ‘Furia di Montagna’, in cui sono stati impiegati settemila militari afghani e stranieri.
 
Intanto l’Isaf afferma di aver cacciato i talebani da Kandahar con l’operazione "Medusa". Secondo fonti della Nato, negli scontri sono morti 500 guerriglieri e cinque militari canadesi, oltre a 14 avieri britannici uccisi in un incidente aereo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close