CronacaNews

La neve ferma il TORX. Recuperati dal soccorso 8 corridori bloccati in quota

Alle prime luci dell’alba, sotto il coordinamento del Soccorso Alpino valdostano, è scattata una operazione di recupero di 8 concorrenti del Tor des Geants-Tor des Glaciers che avevano segnalato nella notte di trovarsi in difficoltà a causa delle condizioni meteo avverse. Sono stati individuati e raggiunti dai soccorritori del Sagf e del SAV intervenuti via terra e accompagnati a valle. Degli 8 atleti, 7 sono riusciti a procedere verso valle in autonomia, uno è stato imbarellato a causa della spossatezza e di lieve ipotermia.

I 7 sono stati raggiunti nella zona del Col Barasson, quello barellato nel tratto tra il rifugio Champillon e Oyace. Le operazioni sono state coordinate dalla Centrale Tor (la base operativa dell’organizzazione gara) e dalla Centrale Unica del Soccorso-Cus. Oltre alle guide alpine già in servizio-gara, a disposizione dell’organizzazione, hanno operato a supporto anche Corpo Forestale e Vvf. Operativo anche un posto medico avanzato con medico rianimatore, infermieri e personale 118 a Saint-Rhemy-en-Bosses per eventuale assistenza agli atleti sul percorso.

Tempesta di neve nella notte

“Questa notte i nostri giganti sono stati sorpresi da una tempesta di neve sul Col Malatràsi legge nel post pubblicato nel corso delle operazioni di recupero dagli organizzatori del Tor sulla pagina FB ufficiale – . In tanti sono rimasti bloccati al Rifugio Frassati dove hanno passato la notte, non potendo più scendere né salire. La montagna è così, tanto affascinante quanto imprevedibile e purtroppo quando si verificano condizioni meteo avverse come la neve alta, il freddo e il vento che hanno reso impraticabili i colli Saint Rhémy, Des Ceingles e del Malatrà, la cosa migliore da fare è fermarsi e non rischiare.”

Un paesaggio magico quello in cui si sono trovati immersi i runner, ma poco adatto alla prosecuzione delle gare.

Stop al TOR450 e TOR330, annullato il TOR30

“Le gare TOR330 – Tor des Géants e il TOR450 – Tor des Glaciers sono state fermate per garantire le condizioni di sicurezza degli atletiinformano gli organizzatori del Tor – . Le condizioni meteo estremamente avverse della notte, hanno reso impraticabili i colli Saint Rhémy, Des Ceingles e del Malatrà. Tutti i corridori verranno evacuati con i mezzi dell’organizzazione a Courmayeur. Per quanto riguarda il TOR330, gli atleti che hanno raggiunto Saint-Rhémy-En-Bosses entro le 136 ore di corsa (le 2 di questa mattina per la prima ondata di partenza, alle 4 per la seconda) o che hanno raggiunto il Rifugio Frassati, saranno considerati finisher. Per il TOR450 saranno considerati finisher i corridori arrivati all’Hotel Italia”. Annullato inoltre il TOR30 – Passage au Malatrà.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close