Sport

Coppa del mondo SKIALP. Successo azzurro in Andorra

Robert Antonioli segna un nuovo record nella vertical di Arinsal

Dopo il successo dello scorso dicembre ad Aussois, la Nazionale Italiana di scialpinismo si è fatta notare anche nella seconda tappa di Coppa del Mondo SKIALP, disputata nel corso del weekend a La Massana, Andorra.

Alba De Silvestro trionfa nella individual race

Sabato 25 gennaio la individual race ha visto salire sul gradino più alto del podio femminile Alba De Silvestro. Alle sue spalle la svizzera Marianne Fatton e la francese Axelle Gachet Mollaret. Quarto posto per l’italiana Ilaria Veronese.

Robert Antonioli e Michele Boscacci hanno dato dal canto loro filo da torcere al vincitore della sfida maschile, il francese Xavier Gachet, posizionandosi rispettivamente al secondo e terzo posto. Ad un passo dal podio anche gli italiani Davide Magnini e Anton Palzer, che hanno chiuso rispettivamente in quarta e quinta posizione.

Gli atleti si sono sfidati su un percorso con un dislivello di 1.790 metri per la categoria maschile, suddiviso in 5 salite e discese. 1.390 per le donne, con una salita in meno.

Nella sfida femminile è risultata determinante la seconda parte del percorso. La penultima salita ha visto la svizzera Marianne Fatton avvicinarsi sempre più ad Alba De Silvestro, al comando per una manciata di secondi di vantaggio. Nell’affrontare la sezione a piedi, la Fatton si è attardata nell’indecisione di un cambio di pelli, errore che ha causato un incremento del suo ritardo. Alba De Silvestro è così arrivata all’ultimo cambio di pelli dopo la discesa con almeno 40 preziosi secondi di vantaggio, che è stata in grado di conservare fino al traguardo, raggiunto in un tempo di 1:31’56”. Marianne Fatton ha infine chiuso con un ritardo di 46’’, a sua volta in vantaggio di quasi un minuto su Axelle Gachet Mollaret.

Nella gara maschile il trio Boscacci, Antonioli, Magnini si è subito posizionato al comando, insieme al francese Xavier Gachet. Una sfida a quattro che si è protratta fino alla penultima salita, con una sezione da affrontare a piedi, sfruttata dal francese per prendere il comando. Gachet ha così tagliato per primo il traguardo con un tempo di 1:35’02”, seguito da Robert Antonioli e Michele Boscacci, con un ritardo rispettivo di 13’’ e 19’’.

Robert Antonioli da record nella vertical

Nella giornata di domenica Antonioli ha messo il turbo nella vertical race di Arinsal, puntando dritto all’oro e tagliando il traguardo in un tempo record di 26’36’’, davanti agli svizzeri Remi Bonnet e Werner Marti. Appena fuori dal podio, al quarto e quinto posto, gli italiani Michele Boscacci e Davide Magnini.

Una vittoria dedicata da Antonioli al CT della Nazionale Stefano Benedetti, che per un problema non è potuto presenziare alle gare. “Contento di essere riuscito a sciare al massimo spingendo tutto quello che avevo – ha commentato il campione della Valfurva al termine della sfida -.Questo percorso mi porta bene nel 2014 avevo vinto gli Europei davanti a Manfred Raichegher e Damiano Lenzi. L’anno scorso le avevo prese da Werner Marti e Remi Bonnet e oggi sono riuscito a farcela anche con gli interessi siglando il nuovo record di percorso”.

Alba De Silvestro non è invece riuscita a portare a casa una doppietta, ma di certo il suo secondo posto, con 47 secondi di ritardo sulla svizzera Victoria Kreuzer, denota una ottima preparazione e determinazione in questa stagione. “Inaspettato è ancora più bello”, ha commentato a fine gara l’italiana. Terzo posto per la francese Axelle Gachet Mollaret. Quarto per l’italiana Ilaria Veronese.

La sfida vertical, che ha visto gli atleti senior affrontare un dislivello di 720 metri, è iniziata con un Remi Bonnet in ottima forma, inseguito da Robert Antonioli e Werner Marti. Poco dietro di loro anche Michele Boscacci e Davide Magnini. Un vantaggio di una manciata di metri quello di Bonnet, conservato fino al rettilineo finale, dove Antonioli ha aumentato il ritmo al punto da sorpassare lo svizzero e tagliare il traguardo con in tasca il nuovo record di Arinsal.

La gara femminile ha visto in un primo momento primeggiare l’italiana Ilaria Veronese. Ma ben presto la svizzera Victoria Kreuzer si è lanciata agguerrita al suo inseguimento. Ottenuto il comando della corsa non ha rallentato fino al traguardo, tagliato nel tempo di 31’56’’. Anche per lei si tratta di un nuovo record assoluto sul tracciato di ComaPedrosa.

Uno sguardo alla classifica generale

Nella classifica generale Robert Antonioli sale così a 360 punti. Un bel distacco dai 158 punti di Marti e i 154 di Gachet. Alba De Silvestro raggiunge invece quota 243, alle spalle di Marianne Fatton, al comando con 300 punti e seguita dalla Gachet Mollaret con 234 punti..

Prossimo appuntamento da segnare in agenda, la terza tappa della Coppa del Mondo in programma a Berchtesgaden (Germania) l’8 e 9 di febbraio.

 

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close