• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata sportiva, Primo Piano

Il sogno realizzato di un oro a Chamonix – Adam Ondra Road To Tokyo

Adam Ondra è tornato in parete in forma perfetta. Ne ha dato prova a Chamonix, nella seconda tappa della Coppa del Mondo Leed & Speed. Una sfida in cui il campione, superato il recente infortunio al polso, è nuovamente salito sul podio. Nell’episodio numero 23 della serie “Road to Tokyo” Adam ci racconta di questo oro che, dopo settimane di sfiducia, è di certo un toccasana.

Si parte facendo un passo indietro, alle fasi di allenamento nella palestra di Innsbruck in vista della gara dell’11-13 luglio a Chamonix. Provare vie complesse, quanto più simili a quelle che toccherà superare alle semifinali, è un must per Ondra. Pronti alla partenza si sale tutti sul van in direzione Francia. Una sosta per due addominali nel verde, un bagno in un lago alpino ed ecco Chamonix. Si inizia con la disciplina in cui Adam si sente meno sicuro: l’arrampicata speed. “La mia prima coppa del mondo speed in assoluto!”, esclama sorridente prima di tentare di qualificarsi alle semifinali. “Di sicuro non sarò tra i primi – commenta ironicamente una volta sceso dalla parete – ma sono stato abbastanza veloce, vicino al mio record personale”.

Le qualificazioni per la sfida lead del secondo giorno ci mostrano un Adam decisamente più fiducioso e grintoso, fin dal riscaldamento mattutino in palestra. Alle qualificazioni chiude il primo percorso senza difficoltà, scattando subito al primo posto. Una scena che si ripete anche con il secondo percorso. “È stato divertente, domani partirò in prima posizione alle semifinali e mi auguro che i percorsi siano più complessi, così mi divertirò di più!”.

La motivazione per l’indomani è tanta. E grande è la voglia di vincere per la prima volta nella sua carriera a Chamonix. Anche alle semifinali Adam conquista la prima posizione e si prepara alla prima finale della sua vita nella cittadina francese.

La finale è un vero e proprio show in notturna, con la Luna che fa capolino dietro la vetta del Monte Bianco. Uno spettacolo che si conclude con un podio eccellente: al primo posto Adam Ondra, al secondo il tedesco Alexander Megos e al terzo l’austriaco Jakob Schubert.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.