Scienza e tecnologia

Medicina, in alta quota meno infarti

immagine

ZURIGO, Svizzera — L’aria frizzante fa bene al cuore: chi vive in quota rischia meno l’infarto. Lo ha dimostrato uno studio svizzero condotto su oltre 1600 persone che vivono tra i 259 e i 1960 metri: gli infarti si riducono del 22 per cento tra chi vive mille metri più in alto.

La ricerca è stata condotta dal team di David Faeh e Matthias Bopp dell’istituto di medicina sociale e preventiva dell’Università di Zurigo su un campione di età compresa tra i 40 e gli 84 anni, analizzando i registri dei decessi tra il 1990 e il 2000.

I risultati dell’analisi, presentati nelle scorse settimane, sembrano dimostrare una salute nettamente migliore, a livello di arterie, per chi abita in quota. I numero di infarti, oltre i mille metri, è inferiore di oltre un quinto rispetto al livello del mare. E gli abitanti dei paesi in quota, per esempio nel canton Davos risultano meno esposti a malattie cardiovascolari di quelli di Berna.

Secondo i ricercatori, questi dati sono spiegabili con la migliore qualità dell’aria e del clima in montagna, per esempio il fatto che in quota, il sole favorisce la produzione di vitamina D.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close