News

Cai: ecco le assicurazioni per i soci

immagine

ROMA — Grandi novità, per i soci del Club Alpino Italiano, in materia di assicurazioni. Dal 1 gennaio 2009, gli iscritti al Cai saranno automaticamente assicurati durante le attività sociali e potranno godere di massimali più alti in caso di rimborsi per incidenti in montagna. Molte novità anche per le spedizioni extraeuropee patrocinate dal Cai, che da quest’anno assicurabili anche se si tratta di solitarie.

Tutti i soci del Club alpino italiano, iscrivendosi o pagando il bollino annuale, ricevono automaticamente un’assicurazione per infortuni, morte e invalidità permanente. Grazie a quest’assicurazione, i soci potranno essere rimborsati di tutte le spese di cura derivanti da incidenti in montagna avvenuti in qualsiasi parte del mondo, a piedi o con mezzi di trasporto. L’assicurazione annuale resta valida fino al 31 marzo dell’anno successivo, per dar tempo agli iscritti di rinnovare il bollino.

I massimali sono di 55mila euro in caso di morte, 80mila euro in caso di invalidità permanente, 1.600 euro per le spese di cura. Al momento dell’iscrizione e del rinnovo, sarà possibile richiedere una copertura con massimali più alti con un costo aggiuntivo di soli 1,62 euro, ottenendo un massimale di 100mila euro in caso di morte e di 160mila euro in caso di invalidità permanente. Una novità riguarda proprio la percentuale di franchigia sull’invalidità permanente, che viene abbassata dal 5 al 3 per cento, onsentendo di ottenere risarcimenti anche in caso di infermità più lievi.

Il Cai offre assicurazione anche ai soci che partecipano a spedizioni extraeuropee organizzate e patrocinate dal Club Alpino Italiano e/o dalle sue sezioni. Tale polizza viene attivata su richiesta specifica della sezione organizzatrice o patrocinante e, da quest’anno, potrà essere attivata anche per le spedizioni in solitaria con un massimale di 110mila euro. L’assicurazione rimborsa "le spese per la ricerca, il trasporto sanitario dal luogo dell’incidente al centro ospedaliero, e il trasferimento delle salme fino al luogo della  sepoltura. Ma anche le spese farmaceutiche, chirurgiche, di ricovero, il prolungamento delsoggiorno in albergo".

I soci Cai risultano assicurati anche per il soccorso alpino, con una polizza attivata dalla sede centrale che prevede "il rimborso di tutte le spese sostenute nell’opera di ricerca, salvataggio e/o recupero, sia tentata che compiuta". I massimali per ogni socio Cai sono aumentati da 20.000 a 25.000 euro e il massimale catastrofale da 45.000 a 500.000 euro.

Con il 2009, il Cai ha facilitato la procedura di assicurazione per corsi, escursioni e attività varie organizzate dalle sezioni. Da oggi tutti i partecipanti, se regolarmente iscritti al Cai, risulteranno automaticamente assicurati senza che la sezione debba procedere a lunghe e complicate procedure di comunicazione via fax con la sede centrale. Coloro che non sono iscritti al Cai, invece, potranno assicurarsi giornalmente a seconda dei casi.

Il Cai, le sezioni, i partecipanti alle attività sezionali e i vari organi, risultano assicurati anche per responsabilità civile, con garanzia di risarcimento per danni involontariamente causati a terzi e per danni provocati a cose o animali. Tale assicurazione viene attivata direttamente dalla Sede Centrale, con un massimale che quest’anno è aumentato da 3 a 5 milioni di euro. Pochi lo sanno, ma gli iscritti al Cai godono anche di una polizza per la tutela legale che difende gli interessi degli assicurati in sede giudiziale per atti compiuti involontariamente. Anche qui, dal 2009, il massimale è cresciuto: da 10 a 15mila euro.


Sara Sottocornola

Maggiori informazioni sul sito www.cai.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close