Alpinismo

Saint Vincent, premiato Babanov: il video

SAINT VINCENT, Aosta — "La vera difficoltà non è tanto la salita, quanto portarla avanti in stile alpino". Con queste parole Valery Babanov ha commentato la sua impresa sullo Jannu, per cui venerdì sera ha vinto la Grolla d’oro internazionale per la montagna. Ecco il videoservizio della serata, che ha visto protagonisti, in Val d’Aosta, dei veri mostri sacri dell’alpinismo come Christophe Profit.

Si diceva che il Premio Saint Vincent per la Montagna voleva essere, almeno per quest’anno, l’erede del Piolet d’or. Il risultato è stata una serata davvero spettacolare, dedicata alla montagna e ai suoi professionisti, con ospiti di altissimo livello. Venerdì sera, al Grand Hotel Billia di Saint Vincent, c’era infatti la crème dell’alpinismo valdostano e mondiale.

C’era Valery Babanov, sbarcato in Italia accompagnato dal suo compagno di cordata Sergey Kofanov, che l’anno scorso, sull’Everest, salvò la vita a Marco Epis. C’era Christophe Profit, che negli anni 80 rivoluzionò l’alpinismo con le sue incredibili solitarie in velocità e i concatenamenti sulle pareti più difficili dell’arco alpino, tra cui Eiger, Cervino e Monte Bianco.
 
E c’era il marito di Pemba Sherpa, la prima donna nepalese a raggiungere la cima dell’Everest, scomparsa l’anno scorso dopo aver salito il Lhotse. "Una donna che ha cambiato l’alpinismo, in Nepal e nel mondo" come ci ha raccontato lui stesso.

C’erano poi Hervè Barmasse, ormai lanciato verso l’elite dell’alpinismo internazionale grazie alle imprese che si è dimostrato capace di compiere sia sulle pareti di casa che sulle montagne d’Oltralpe. E gli alpinisti del Centro addestramento alpino dell’esercito, che con le loro imprese tengono alto il valore dell’alpinismo, della sicurezza e della nostra nazione.

Sono stati questi gli alpinisti premiati, a vario titolo, durante la serata. Ecco le immagini e il racconto della premiazione, raccolte direttamente a Saint Vincent dalle telecamere di Montagna.tv.

Guarda il videoservizio

Più che soddisfatti gli organizzatori dell’evento: Regione Valle d’Aosta, Forte dei Bard, Grivel Mont Blanc, Casino de la Vallee. "Il futuro di questo premio non può che essere di avere una sua vita autonoma – ha dichiarato Gioacchino Gobbi di Grivel – Ora dovremo decidere sul destino del Piolet d’or, e capire se il fatto di premiare il merito è accettato o se dobbiamo far finta di esser tutti uguali".

Guarda l’intervista completa a Gioacchino Gobbi (Grivel)

Ma le sorprese, per voi lettori, non sono finite. A Saint Vincent siamo riusciti a strappare videointerviste esclusive a Babanov, Kofanov, Profit, Barmasse e al maresciallo Ettore Taufer del Centro addestramento alpino. Nei prossimi giorni, su Montagna.tv, potrete ascoltare i racconti delle loro imprese e i loro progetti per il futuro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close