• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Karakorum, Primo Piano

La straordinaria estate del K2, anche i polacchi in cima

k2-300x225.jpg
K2
K2

SKARDU, Pakistan – Continua la straordinaria estate del K2. Ieri infatti sono andati in vetta i polacchi Janusz Gołąb e Marcin Kaczkan, mentre si sarebbero fermati 150 metri prima Pawła Michalskiego e Artur Małek. In attesa di nuove informazioni, si aggiorna la conta di chi è andato in cima e chi no tra sabato 26 e giovedì 31 luglio. Stando agli ultimi calcoli, in vetta all’ottomila il 26 luglio c’erano più di 30 persone: anche senza il dato esatto, un numero che parla di record per un solo giorno al K2.

I dati sono ancora da confermare, sebbene col passare dei giorni sembrerebbero sempre più certi. In questo momento le spedizioni hanno lasciato o stanno lasciando tutte il campo base del K2, e la morte dello spagnolo Miguel Ángel Pérez ha nei giorni scorsi allontanato, opportunamente, l’attenzione dal tema delle verifiche. Ad ogni modo questi sono i dati finora registrati.

Sabato 26 luglio gli alpinisti salitori del K2, vale a dire coloro che sono arrivati in cima senza usare l’ossigeno, sono stati Ali Durani e Tamara Lunger, i primi dopo gli sherpa con l’ossigeno; Ghulam Mehdi e Rehmat Ullah Baig; Ali Rozie; poi Hassan Jan, Muhammad Sadiq, Michele Cucchi e Klaus Gruber, saliti insieme; Giuseppe Pompili, anche se non sappiamo al momento con chi sarebbe andato in vetta; Amin Baig; Ferran Latorre e Radek Jaros, quest’ultimo ha completato così la collezione dei 14 ottomila senza ossigeno, il 15esimo al mondo.

Dovrebbero essere saliti invece con l’ossigeno tutti i membri della spedizione commerciale, quindi tutti gli sherpa, Adrian Hayes, Travnicek Jan, Al Hancock, Chris Jensen Burke, le 3 alpiniste nepalesi Dawa Yangzum, Pasang Lhamu Sherpa e Maya Sherpa, la cinese Luo Jing. La neozelandese Chris Jensen Burke ha scritto sul suo blog che era in cima alle 14:15 (ora pakistana) con 2 sherpa Lakpa, Tsering e altre 4 persone e che dopo di loro c’erano altre 25 persone in salita. In totale quindi circa 32 persone.

Domenica dovrebbero essere saliti in cima una quindicina di scalatori: altri membri delle commerciali, tra cui il greco Alexandros Aravidis, mentre al contrario di quanto si dicesse inizialmente, Panagiotis Athanasiadis è tornato indietro 200 metri prima della vetta. Sono saliti poi l’iraniano Reza Shahlaee e il macedone Zdravko Dejanovic, c’erano gli sherpa e gli americani Alan Arnette, Matthew Dupuy e Garrett Madison.

Hanno scalato il K2 senza ossigeno il finlandese Samuli Mansikka e il suo sherpa, andati in cima domenica 27 luglio.

Lunedì 28 luglio, stando a quanto riportato dal sito Desnivel, è andato in vetta da solo Miguel Ángel Pérez, morto poi nella notte a campo 4, nelle tende dell’americana Cleo Weidlich, che ha poi rinunciato a tentare la cima ed è ridiscesa al base.

Infine, ieri giovedì 31 luglio, nel giorno del 60esimo anniversario della prima salita, sono arrivati in vetta i polacchi Janusz Gołąb e Marcin Kaczkan: così si legge sul sito della spedizione polacca, che parla in sms inviato da Pawła Michalskiego ieri alle 7:45. Secondo il messaggio appunto l’alpinista sarebbe andato in cima, mentre i suoi compagni Artur Małek e Paweł Michalski che salivano con lui, avrebbero fatto marcia indietro 150 metri sotto. Explorersweb riferisce che l’attacco di vetta era partito la sera del 30 intorno alle 19: “Marcin Kaczkan, Pawel Michalski, Artur Malek e Janusz Golab hano lasciato C4 – si legge -. Al momento non abbiamo conferme di Petrov e Simone (Simone La Terra, in spedizione con i polacchi. N.d.r)”. Nel tardo pomeriggio del 31 luglio gli alpinisti andati in cima sono ritornati al campo 4, da cui dovrebbero scendere oggi al base.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.