News

Caccia ai fantasmi sul Monte Everest

immagine

LHASA, Tibet — Il Monte Everest sarà la prima "montagna infestata" del mondo. Lo hanno deciso i governi tibetani e nepalesi che, quest’anno ad Halloween, apriranno le ascensioni a tanti scalatori inesperti: si terrà infatti, una caccia ai fantasmi degli alpinisti morti sulla vetta più alta della terra.

Everest: da sempre meta irrinunciabile dei grandi scalatori e sogno proibito degli amanti della montagna. Molti alpinisti, tra i più bravi e i più fortunati, l’hanno conquistato. Tanti altri invece, hanno perso la vita sfidando le sue pareti.
 
Oggi, in occasione della prossima festività americana di Halloween, i governi di Tibet e Nepal, hanno deciso di concedere l’accesso anche agli alpinisti meno esperti. E’ in programma infatti, una grande caccia: gli scalatori saranno accompagnati delle guide, che li condurranno "in giro per la montagna". Alla ricerca di cosa? Di fantasmi. O meglio: di cadaveri.
 
Il ghiaccio infatti, e le basse temperature dell’alta quota, hanno conservato in perfette condizioni i resti umani degli esploratori che sull’Everest hanno perso la vita, anche moltissimi anni fa. I corpi si trovano ora sparpagliati tra le rocce della montagna: saranno questi i tesori della caccia di Halloween.
 
Potrebbe sembrare una proposta offensiva e poco rispettosa, ma secondo gli organizzatori, l’operazione sarebbe mossa da una giusta causa. Tutto il ricavato sarà infatti devoluto alla salvaguardia della montagna, e costituirà un necessario finanziamento aggiuntivo a quelli ordinari. Inoltre, la natura non verrà violata in alcun modo: "Nessuno costruirà uno Sheraton sull’Everest" – assicura il portavoce della manifestazione.
  
Di tutt’altro parere i critici, che prevedono un futuro disastroso, oltre che rischioso: gli alpinisti inesperti infatti, potrebbero aderire numerosi, correndo un grande pericolo per la loro incolumità. Senza contare i molti elicotteri che voleranno intorno alla montagna: come perdersi infatti, il "grandioso" spettacolo della caccia ai fantasmi dell’Everst?
 
 
 
 
Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close