• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Top News

Alpinismo, medicina e soccorso in montagna. Il focus mondiale in arrivo a Bolzano al X congresso

EURAC_142001_16_53_100_75-300x225.jpg
Ricerca in alta quota (Photo courtesy of Eurac)
Ricerca in alta quota (Photo courtesy of Eurac)

BOLZANO — I temi di attualità più importanti nel mondo dell’alpinismo e della montagna: il soccorso in alta quota, la sopravvivenza in valanga, le patologie legate all’altitudine, le nuove ricerche e i progressi della telemedicina. Si parlerà di questo e di molto altro al X World Congress on High Altitude Medicine and Physiology & Mountain Emergency Medicine, che inizierà domenica 25 maggio all’Accademia Europea di Bolzano (Eurac): i grandi esperti mondiali sviscereranno gli argomenti nelle tavole rotonde, partendo anche da fatti di cronaca recentissimi e vivissimi, come la tragedia avvenuta il 18 aprile all’Everest.

É l’Accademia Europea di Bolzano (Eurac) la sede del X World Congress on High Altitude Medicine and Physiology & Mountain Emergency Medicine, ospitato per la prima volta nelle Alpi. L’evento di importanza mondiale tratterà temi fondamentali che interessano non solo gli alpinisti professionisti e i medici che si trovano a fronteggiare le difficoltà delle emergenze in alta quota, ma anche i tecnici del soccorso alpino e i semplici appassionati della montagna.

Il congresso mondiale inizierà domenica 25 maggio con la serata di benvenuto e una conferenza introduttiva, e proseguirà fino al 31 maggio suddividendo il programma di incontri e workshop in 3 argomenti principali. Da lunedì a mercoledì spazio a Medicina e alla Fisiologia d’alta quota con convegni in cui si discuterà in particolare delle malattie e dei rischi dell’altitudine: edema, mal di montagna, ipossia, broncopneumopatia cronica ostruttiva e altre patologie respiratorie e cardiovascolari. Si parlerà di come i nuovi disturbi possano influire su malattie pregresse o si manifestino diversamente nelle varie popolazioni mondiali, ma anche delle pratiche mediche in alta quota, ai campi base per esempio: è necessaria la presenza di un medico in spedizione? Come deve operare? Quali strumenti privilegiare, quali farmaci assumere? In quest’ambito verranno esposti i risultati delle ricerche condotte al seguito delle spedizioni, per esempio all’Everest e in altre zone dell’Himalaya.

E poi si parlerà di altre malattie legate agli sport di montagna, come l’arrampicata su ghiaccio e su roccia: artrite, distorsioni, problemi alle dita, utilizzo di integratori, ecc.

La giornata di giovedì 29 sarà invece totalmente incentrata al soccorso sulle montagne del Nepal, meta sempre più frequentata anche da  trekkers e alpinisti non professionisti. Molte le conferenze riguardanti la situazione attuale e i progetti per il futuro, ma tra tutti gli appuntamenti spicca un importante dibattito sulla tragedia del 18 aprile in cui 16 persone sono morte a causa del crollo del seracco sull’Icefall all’Everest.

Di incidenti in valanga si parlerà anche il giorno successivo durante il IV Simposio internazionale sull’ipotermia. Spazio quindi alle tecniche e alle strategie di soccorso e recupero di chi è rimasto sepolto sotto la neve, così come dei metodi di soccorso preospedalieri e ospedalieri per chi è a rischio ipotermia per essere rimasto a lungo a temperature molto basse, per esempio in un crepaccio.

L’ultima giornata del congresso proseguirà il tema del soccorso e della medicina d’emergenza in montagna con convegni riguardanti le procedure di primo soccorso in ambiente montano. Si discuterà delle manovre di rianimazione ad alta quota, di come individuare e valutare i traumi, della somministrazione di medicinali e anche dell’utilizzo della telemedicina come supporto alle emergenze in alta quota.

Il Programma completo del congresso in lingua inglese

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.