Cronaca

Monte Rosa, trovati resti umani sul ghiacciaio

Punta Dufour (Photo courtesy of Wikimedia Commons)
Punta Dufour (Photo courtesy of Wikimedia Commons)

MACUGNAGA, Verbano-Cusio-Ossola — Nei giorni scorsi sono stati trovati sul ghiacciaio del Monte Rosa alcuni resti umani appartenenti ad un alpinista. Dalle prime ipotesi potrebbe trattarsi di una guida alpina scomparsa sulla montagna nel 1958.

Secondo l’edizione locale de LaStampa.it, un’escursionista di Macugnaga ha ritrovato qualche giorno fa a circa 2100 metri di quota sul Monte Rosa alcuni resti ossei – ossa delle braccia e un frammento della calotta cranica – dei brandelli di vestiti e pezzi di corda appartenenti ad un alpinista.

I reperti sono stati ritrovati sul ghiacciaio del Rosa, non lontano dal cosiddetto Belvedere. Da una prima analisi dei materiali della corda e dei vestiti, questi risalirebbero agli anni cinquanta. L’ipotesi più probabile è che i resti appartengano ad una guida alpina, Gildo Burgener, precipitato dalla punta Dufour (4638 metri) nel 1958.

L’uomo stava salendo verso la vetta in cordata con un cliente e in compagnia di un’altra cordata composta da due persone. Ad un certo punto Burgener è precipitato e la corda, assicurata ad una roccia, si è spezzata facendolo cadere ulteriormente per centinaia di metri. Spetterà all’analisi del Dna confermare o smentire quest’ipotesi.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close