• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ricerca, Top News

Il Monte McKinley scende di quota: più basso di 25 metri

Mount McKinley (Phoro Commons Wikipedia Frank Kovalchek)
Mount McKinley (Phoro Commons Wikipedia Frank Kovalchek)

ANCHORAGE, Alaska — E’ alto 6.168 metri il monte McKinley o Denali, vale a dire 25 metri in meno di quanto ritenuto fino a pochi giorni fa. La montagna dell’Alaska non perde il suo primato di vetta più alta del continente Nordamericano, ma scende di quota secondo il US Geological Survey. L’ultima stima era stata effettuata con fotogrammetria e risaliva al 1952.

La notizia è stata annunciata l’11 settembre ad Anchorage dal governatore Mead Treadwell, membro dell’Alaska Mapping Executive Committee. La scoperta è stata fatta nell’ambito di una campagna di mappatura del territorio montano dell’Alaska, effettuata dall’US Geological Survey tramite radar. Uno studio che ha prodotto 400 nuove mappe.

Secondo gli esperti la nuova misurazione avrebbe rivelato un dato molto diverso da quello conosciuto fino ad ora: 25 metri in meno appunto, pertanto la montagna passerebbe da 20,320 piedi, vale a dire 6.193.5 metri, a 20,237 piedi, in metri 6.168. La differenza sarebbe da imputarsi da un lato a una riduzione dello spessore del ghiaccio e della neve sulla montagna, dall’altro all’utilizzo di tecnologie e metodi di misurazione più precisi e attendibili.

Denali al radar Ifsar (photo ned.usgs)
Denali al radar Ifsar (photo ned.usgs)

Il Monte McKinley, o Denali nella lingua della popolazione nativa d’Alaska, rimane comunque la montagna più alta del continente Nordamericano. La seconda in classifica infatti, è il Monte Logan, sito nello Yukon, in Canada che si attesta a 5.959 metri di altezza.

 

Info: USGS  ned.usgs.gov

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.