• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

A 7000 metri del Gasherbrum II

G II (Photo Sergio Zigliotto)
G II (Photo Sergio Zigliotto)

VICENZA — “Dopo le spedizioni effettuate in Nepal negli anni scorsi, con la salita di cime oltre i settemila metri, ho partecipato ad una nuova spedizione al Gasherbrum 2. IL Gasherbrum 2 é una splendida montagna di 8035 metri che si trova nel Karakorum, in Pakistan, ai confini con la Cina. La spedizione si é svolta dal 16 giugno al 5 agosto 2012 ed ha visto la partecipazione di 7 alpinisti provenienti da Austria e Germania. Io ero l’unico italiano”. Comincia così il racconto dell’avventura estiva di Sergio Zigliotto, alpinista vicentino con in curriculum numerose salite sulle Alpi e diverse spedizioni extraeuropee.

“Interessante il percorso da Islamabad a Skardu lungo la Karakorum Highway, su strade precarie e sempre in bilico sul fiume Indo. Arrivati poi ad Askole, abbiamo iniziato il lungo e meraviglioso trekking che porta al Circo Concordia a 4600 metri, seguendo il ghiacciaio del Baltoro per più di 100 km. Da qui abbiamo ammirato vette splendide e legate all’alpinismo italiano come il K2, il Broad Peak e il Gasherbrum IV.

“Dopo più di una settimana di trekking siamo arrivati infine al campo base dei Gasherbrum a 5100 metri. Seguendo il programma di acclimatazione, abbiamo percorso più volte la serraccata dei Gasherbrum  e posizionato il campo 1 a 5900 metri e il campo 2 a 6500 metri. Si tratta di vie interamente su ghiaccio, in cui bisogna superare crepacci di ogni tipo e pareti di ghiaccio a strapiombo. Interessante é stata la collaborazione con altre spedizioni presenti al campo base, per aprire la via e posizionare le corde fisse dove necessario.

Al Gasherbrum II (Photo Sergio Zigliotto)
Al Gasherbrum II (Photo Sergio Zigliotto)

“Erano presenti 9 spedizioni di diversa provenienza: dalla Korea del Sud alla Spagna, dalla Slovenia al Canada, dalla Svizzera alla Germania. Purtroppo le condizioni meteo hanno reso molto difficile la progressione, tanto che nessuna spedizione é riuscita a raggiungere la cima. Per 5 settimane, con brevi pause, si sono alternate perturbazioni anche violente, che hanno scaricato metri di neve nella patre alta della montagna e causando un pericolo molto alto di valanghe che hanno continuato a cadere ininterrotamente.

“Siamo riusciti ad arrivare ad una quota di circa 7000 metri nella bufera, ma abbiamo dovuto rinunciare alla cima per le avverse e pericolose condizioni del tempo e della neve. Pertanto, dopo più di un mese di permanenza fra i campi base ed i campi alti, abbiamo lasciato il Gasherbrum e siamo tornati ad Islamabad, passando nuovamente per il ghiacciaio del Baltoro e per i villaggi Baltì fino a Skardu.

“E’ stata una grande esperienza alpinistica. Molto dura per le estreme condizioni del tempo, ma altrettanto bella per il rapporto umano creatosi con gli altri membri della spedizione. I luoghi poi, sono di una bellezza incredibile ed aspra. Vi si trovano cinque fra le vette più alte del pianeta, oltre a moltissime cime di 7000 metri ancora inviolate e selvagge. Un elogio particolare va poi fatto ai portatori Baltì, senza i quali nessun alpinista potrebbe arrivare su queste cime.

Gasherbrum II (Photo Sergio Zigliotto)
Gasherbrum II (Photo Sergio Zigliotto)

“Il Pakistan é un paese molto bello e relativamente sicuro, contrariamente a quanto si pensa. Nonostante i continui controlli e i check-point militari lungo le strade, si può visitare senza rischi. Sicuramente ritenterò in futuro, sperando in un tempo più stabile”.

 

 
Sergio Zigliotto

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.