Cronaca

Senza casco muore sulle piste

immagine

AOSTA — Un dodicenne di Tel Aviv è morto all’ospedale Regina Margherita di Torino in seguito alle ferite alla testa riportate in un incidente sugli sci avvenuto sulle piste di Cervinia. Il padre è indagato dalla procura di Aosta perchè il ragazzino, al momento dell’incidente, non indossava il casco, obbligatorio sulle piste italiane.

L’incidente è avvenuto intorno alle 9,30 del mattino, quando Roy Sternik, questo il nome della vittima, sprovvisto di casco, è andato a sbattere violentemente contro una struttura degli impianti di risalita. Le sue condizioni sono apparse subito disperate (nella foto di repertorio soccorritori della Croce Rossa in azione sulle piste).

Sul posto è intervenuto il personale del 118 di Aosta e vista la gravità delle condizioni del ragazzo ha disposto il trasporto in elicottero al Regina Margherita dove il ragazzo è stato sottoposto a un intervento chirurgico al cervello. Per lui non c’è stato nulla da fare. E’ morto poche ore dopo il suo ricovero.

La procura di Aosta ha aperto un fascicolo a carico del padre del ragazzo, Leonard Sternik, neurochirurgo, che non avrebbe fatto indossare il casco al figlio. Dal 2005 il casco è obbligatorio sulle piste italiane per tutti gli sciatori al di sotto dei 14 anni.

Anche la Valle d’Aosta ha legiferato in materia ma l’ obbligatorietà è prescritta per coloro che risiedono in Italia, essendo ancora controversa l’ applicazione della norma per chi proviene da altri paesi. 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close