Curiosità

Impresa per l'ambiente: con gli sci sui monti d'Europa in 2 settimane

Carving Europe
Carving Europe

MILTEN KEYNES, Gran Bretagna — Il giro delle montagne d’Europa con gli sci per difendere l’ambiente. Questo l’avventuroso tour “Carving Europe” che parte oggi, mercoledì 23 febbraio, dalla Gran Bretagna e che in 14 giorni tenterà di toccare i monti di 30 diversi paesi europei. L’impresa da guinness dei primati è organizzata dal team “Across the Atlas” e ha come obiettivo sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della difesa del pianeta.

I quattro “cavalieri” che tenteranno l’impresa sono l’italiano Pietro Simonetti, capocordata ed ex stuntman con un curriculum ricco di avventure in quota, e gli americani Rick Compton, Kelly Myers e Jesse Borrell. Il gruppo partirà giovedì 24 dall’Inghilterra e toccherà per prime le montagne inglesi di Milten Keynes e le scozzesi di Glenshee.

I quattro raggiungeranno in volo la Spagna sulle nevi di Masella, quindi a Grandvalira nel Principato d’Andorra, a Megeve nell’Alta Savoia francese, e poi in Italia, a Cervinia e a Cortina d’Ampezzo. La settima tappa sarà ancora sulle Alpi Occidentali, questa a volta nella svizzera Zermatt, poi a Malbun Steg, nel piccolo Stato del Liechtenstein.

Nona tappa nel Vorarlberg austriaco, decima sulle montagne di Garmisch-Partenkirchen, e undicesima a Kranjska Gora, in Slovenia. Poi i quattro scenderanno lungo i monti dell’ex Jugolslavia: a Sljeme in Croazia, a Vlasic in Bosnia e a Kolasin, in Montenegro. Quindi toccheranno i monti albanesi, nel territorio di Tirana, e macedoni, a Mavrovo.

La 17esima tappa sarà a Pigadia in Grecia, poi i quattro sciatori saliranno verso i Paesi dell’Est la Bulgaria, a Bansko, la Romania a Poiana Brasov e l’Ungheria a Matraszentistvan. Quindi raggiungeranno i monti Tatra, arrivando a Tatranska Lomnica, in Slovenia, poi a Zakopane, in Polonia, e a Ski Bila in Repubblica Ceca.

Poi tre tappe sulle montagne delle Repubbliche baltiche, in Lituania, a Anyksciai Kalita, in Lettonia a Kakiskalns, e in Estonia a Kuutsemae. Infine voleranno negli Stati del grande Nord: in Russia, a Okhta Park, in Finlandia a Levi & Yllas, in Svezia a Riksgransen e in ultimo in Norvegia a Narvik.

Mappa del tour Carving Europe
Mappa del tour Carving Europe

Scieranno in 30 Paesi d’Europa in due settimane, per un totale di 9.000 miglia di strade da percorrere, più di 14.000 i chilometri di dislivello. Se l’impresa dovesse riuscire entrerà nel Guinness World Record. Ma ciò che più conta per i 4 atleti del team “Across the Atlas” è portare l’attenzione internazionale sull’importanza dell’ambiente e della salvaguardia del pianeta.

Ai fini dell’ecosostenibilità, l’avventura sulle montagne d’Europa adotterà una serie di accorgimenti per ridurre il più possibile l’impatto ambientale, attraverso, per esempio, compensazioni alle emissioni di anidride carbonica. Durante l’impresa inoltre, il team Across the Atlas pianterà un albero in ogni Paese visitato, mangerà solo cibo locale, riciclerà i rifiuti riciclabili e consegnerà un plico informativo per la consapevolezza sulle questioni climatiche realizzato dall’Unione Europea nella lingue di ogni nazione.

Al termine del viaggio invece, l’Associazione investirà in progetti futuri ad alta efficienza energetica e per energie rinnovabili. Tra le novità a favore dell’ambiente che potrebbero arrivare nei prossimi anni e che “Across the Atlas” sostiene, c’è anche uno studio realizzato con Fiat che aspira a creare nuove vetture con il più basso tasso di emissioni di CO2 finora mai raggiunto dai produttori di auto europei.

Info: www.acrosstheatlas.com

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

  1. mah… 9000 miglia in difesa dell’ambiente, pur con tutte le attenzioni e le compensazioni, ho l’impressione che non sia il massimo della coerenza.

  2. Concordo appieno con quanto sopra, intanto si fanno un bel giretto (presumibilmente non a loro spese) e forse è ciò che a loro sta più a cuore oltre alla visibilità individuale e della prestazione. Il tutto in piena controtendenza rispetto a quello che dovrebbe essere uno stile di vita ecosostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close